Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I cattolici insegnino ai figli che l’aborto è intrinsecamente un male

ALL
Condividi

Il vescovo di Buffalo chiede ai genitori che la difesa della vita faccia parte della trasmissione della fede ai bambini

I cattolici praticanti, che educano i propri figli nella fede, devono insegnare loro “che l’aborto è intrinsecamente negativo, che la vita umana deve essere assolutamente rispettata e protetta dal momento del concepimento. Fin dal primo momento della sua esistenza, all’essere umano devono essere riconosciuti i suoi diritti come persona, tra i quali il diritto inviolabile di ogni essere innocente alla vita”, ha segnalato monsignor Richard Malone, vescovo di Buffalo (Stati Uniti), dopo che un senatore, prima difensore della vita, ha disertato la sua posizione pro-life.

Per il vescovo statunitense, che si è riferito al tema in un comunicato, questo cambiamento di posizione “è profondamente deludente”. Il presule ricorda anche che parlare di diritti “pro-aborto (…) è totalmente incompatibile con la dottrina cattolica”.

Quest’ultima, articolata nel Catechismo della Chiesa, “fin dal primo secolo ha affermato il male morale di ogni aborto provocato. Questo insegnamento non è cambiato, resta invariabile”, ha aggiunto monsignor Malone.

Dopo essersi fatto eco delle parole di papa Francesco, per il quale “desta orrore il solo pensiero che vi siano bambini che non potranno mai vedere la luce, vittime dell’aborto”, il vescovo ha dichiarato che continuerà a pregare e a promuovere la cultura della vita.

Alla posizione di monsignor Malone si è riferita anche la direttrice delle attività pro-vita della Conferenza Cattolica dello Stato di New York, Kathleen Gallangher, ricordando come sia compito del vescovo educare sia i fedeli che i non cattolici su ciò che insegna la Chiesa.

Monsignor Malone, ha osservato la Gallangher, “è profondamente impegnato nella posizione pro-vita”, motivo per il quale esprime la sua delusione per il repentino cambiamento di opinione del senatore statunitense.

Con informazioni della diocesi di Buffalo e di LifeSieteNews.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]
 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni