Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 17 Maggio |
Ascensione
home iconStile di vita
line break icon

Don Vinicio Albanesi, al fianco dei “figli di un Dio fragile”

@ Public Domain

Aleteia - pubblicato il 24/02/14

Il responsabile della Comunità di Capodarco racconta la sua esperienza accanto alle persone con disabilità

Don Vinicio Albanesi, 70 anni compiuti, vive a Capodarco, nella periferia marchigiana con nove famiglie e alcune decine di persone con disabilità. La Comunità di Capodarco, da lui oggi presieduta e il cui primo nucleo risalente al Natale del 1966 si deve a don Franco Monterubbianesi, ha sedi in tutta Italia e anche all’estero, dall’Albania all’Ecuador.

“Noi viviamo in una tenda fatta di fango, ma siamo chiamati ad alzare gli occhi per guardare questa fetta di cielo – ha detto in una intervista a Credere (23 febbraio) –. Inferno e paradiso sono miscelati in ognuno. Una volta siamo eroi e martiri, un’altra volta piccoli vermi. Alle nuove generazioni ripeto sempre che la vita è molto bella, bisogna affrontarla con coraggio e speranza. Io ne ho avuta una felice e privilegiata”.

Prete delle periferie esistenziali di cui parla spesso papa Francesco, don Vinicio è parroco dell’antica abbazia di San Marco alle Paludi (diocesi di Fermo) e insegna diritto canonico all’Istituto teologico marchigiano. Vent’anni fa ha ideato i seminari di formazione per giornalisti Redattore sociale, da cui è scaturita nel 2001 l’omonima agenzia, con sede centrale all’interno della Comunità di Capodarco.

Dopo aver completato gli studi in diritto canonico alla Pontificia Università Gregoriana ed aver fatto esperienza come viceparroco e assistente dei giovani universitari a Roma, è tornato nelle Marche. Lì è cominciata “la grande sfida del welfare: le persone con disabilità viaggiavano nei carri merce insieme alla posta. Al mare ci dicevano che i clienti non gradivano vedere le gambe storte dei poliomelitici”.

In queste fragilità, don Vinicio ha detto di aver incontrato il Signore: “Dio l’ho incontrato quando sono andato a ricercare Colui con cui potevo dialogare. Ho seguito la strada che veniva dal mondo. Vedevo tanto dolore e sofferenza; mentre cercavo di leggere questa storia, ho ritrovato il Dio misericordioso”.

Una esperienza che ben si declina nella parola condivisione, che per don Vinicio “significa assumere il male su di sé per impedire che produca sofferenza; è sufficiente farsi carico della condizione di chi è accanto. Produce risposte, crea vicinanza e rispetto, soprattutto permette di essere generosi e comprensivi. […] Donare diventa addirittura un beneficio per chi è disponibile. Un po’ come per Dio il quale ha creare, ha salvato, ha aiutato non perché ne avesse bisogno, ma per pura vicinanza”.

[Per approfondire la vita di don Vinicio Albanesi, si legga anche “La finestra sulla strada” (Ancora editore)]

Tags:
disabilità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni