Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconApprofondimenti
line break icon

Il Vaticano e i vescovi aprono a Renzi: "speriamo, con l'aiuto di Dio"

© TIZIANA FABI / AFP

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 19/02/14

L'auspicio è di poter realizzare il programma molto impegnativo annunciato nell'interesse del Paese. Attenzione a lavoro e famiglia

"Che Dio l'aiuti!": è l'augurio quasi paterno al presidente del Consiglio incaricato Matteo Renzi da parte del segretario di Stato della Santa Sede, mons. Pietro Parolin, prossimo a ricevere la berretta cardinalizia nel concistoro del 22 febbraio. Parolin, il 18 febbraio, ha guidato al delegazione vaticana al ricevimento organizzato in occasione della ricorrenza della firma dei Patti Lateranensi dall'ambasciatore italiano presso la Santa Sede, Francesco Greco, e, in questa occasione, rispondendo alle domande dei giornalisti ha espresso l'auspicio che il segretario del Pd che sta svolgendo in queste ore le consultazioni per formare il nuovo governo, possa riuscire nel suo intento e realizzare l'ambizioso programma di riforme annunciato, soprattutto avendo a cuore le priorità di lavoro e famiglia.

"Il nostro auspicio — ha detto il nuovo braccio destro di Bergoglio — è che il futuro governo possa realizzare il programma, che mi pare un programma molto impegnativo. Spero che con l’aiuto di Dio lo possa fare. Abbiamo parlato soprattutto del Paese, dei suoi problemi, delle sue varie potenzialità. Il tessuto Italia tiene. Ci sono molte famiglie, persone, giovani, anziani che danno un contributo fondamentale alla sviluppo della vita del Paese" (La Repubblica 19 febbraio).

Considerata la situazione istituzionale italiana con il cambio di governo in atto, nel bilaterale tra le due delegazioni che si svolge sempre in questa occasione, non si è entrati nello specifico delle situazioni che riguardano Stato e Chiesa. A Enrico Letta, accompagnato dai ministri Alfano, Bonino e Patroni Griffi, la delegazione ecclesiastica (con Parolin sedevano, per il Vaticano, il sostituto Angelo Becciu e il «ministro» degli esteri Dominique Mamberti e, per la Conferenza episcopale italiana, il presidente Angelo Bagnasco e il neosegretario Nunzio Galantino) non ha mancato di esprimere apprezzamento per il lavoro svolto, mettendo poi l’accento sui temi più urgenti per la Chiesa: "famiglia e lavoro" appunto (Corriere della Sera 19 febbraio).

L'atteggiamento prevalente sembra quello di una "apertura di credito" verso il tentativo del presidente del consiglio incaricato, anche da parte dei vescovi italiani. Con attenzioni precise, di nuovo, da avere come riferimento: "Per ogni rinnovamento abbiamo il diritto di avere delle attese — ha detto ieri il nuovo segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino — . Per quanto ci riguarda le attese forti sono per la famiglia e per il lavoro. Il governo dovrà anche operare per un riequilibrio delle realtà che costituiscono la società, evitando ideologismi, a partire dalla famiglia" (La Repubblica 19 febbraio).

L'apertura di credito per il tentativo di Renzi guarda ovviamente all'interesse del Paese, avvilito da una fase economica molto difficile, nella quale oltre alla mancanza di lavoro, come ha sottolineato lo stesso Renzi accettando l'incarico, il problema è anche l'incombente "rassegnazione". E' necessario, quindi, un messaggio di speranza che passi attraverso provvedimenti concreti che diano respiro alla vita delle persone. A chi gli domandava se fosse ottimista, Parolin ha risposto: "Il cristiano deve essere sempre ottimista, naturalmente ci sono difficoltà ma anche solidità che danno speranza" (Tmnnews 18 febbraio).

Tags:
matteo renzimonsignor nunzio galantinopatti lateranensivaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni