Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Belgio: la legge dell’orrore

© Pascal Deloche / GODONG
Condividi

Domani in parlamento la legge che permetterà l'eutanasia dei minori senza limiti di età

I pediatri belgi hanno trovato solidarietà in alcuni colleghi canadesi. Infatti la Coalition des mèdecisn pour la juistice sociale, un’associazione di medici del Quèbec, ha realizzato un video in cui, anche grazie all’intervento di alcuni bambini (dato che il tema li riguarda da vicino), si chiede al Re del Belgio di non firmare questa legge. La memoria va subito a Re Baldovino che si dimise dalla sua carica per un giorno al fine di non firmare la legge belga che legittimò l’aborto procurato sul suolo belga. Un re amico dei bambini. Tra l’altro in Quèbec è al vaglio una proposta di legge, che sarà votata a fine mese, per legalizzare l’eutanasia e quindi il tema è particolarmente sentito.

Infine contro questa legge che permetterà di uccidere esseri umani senza soluzione di continuità dal concepimento alla pensione, si sono scagliati anche i vescovi del Belgio e rappresentanti di altre confessioni religiose che qualche mese or sono hanno firmato una dichiarazione congiunta. Lo scorso 6 e 8 febbraio ci sono state inoltre alcune veglie di preghiera a Bruxelles, Lovanio e Basse-Wavre, veglie che hanno raccolto migliaia di partecipanti. L’arcivescovo di Malines-Bruxelles monsignor André-Joseph Léonard infine non ha usato mezze misure per tentare di dare la scossa a credenti e non credenti: “Osiamo dire ai nostri concittadini: ‘Non è mai troppo tardi. È questo il momento!’. Scuotiamo le nostre coscienze e con rispetto anche quelle dei nostri fratelli e sorelle in umanità. È giunto il momento di agire. Contiamo su di voi!”.

Tutti d’accordo quindi nel condannare questa legge? Una voce fuori dal coro – e non certo l’unica se ci rammentiamo quanto asserito sul punto dai ricercatori italiani Giubilini e Minerva (si legga “Il sorriso beffardo di Re Erode”)  – è quella del prof. Umberto Veronesi il quale sul settimanale Oggi così si pronuncia sulla legge belga: “È un problema delicatissimo, e io penso che forse non ci sarebbe bisogno di una legge. Una decisione così drammatica non può essere presa che volta per volta, nella discrezione delle coscienze. E questo, a mio giudizio, resta il criterio di riferimento, pur nella necessità di stabilire un quadro giuridico”. 

Tradotto: ci vorrebbe anche qui da noi in Italia una bella legge sull’eutanasia infantile, ma non come quella belga che qualche inutile paletto lo mette, bensì ancor più libertaria, la quale permettesse di togliere la vita ai bambini ad arbitrio dei medici e genitori. Non preordiniamo nemmeno le condizioni minime per uccidere, lasciamo decidere liberamente agli adulti. 

Secondo Veronesi la scelta è quasi obbligata perché di fronte al dolore dei bambini “ci sono casi in cui la scienza si trova impotente”. E che dire poi del Protocollo Groningen sull’eutanasia neonatale made in Olanda? Questa nazione, secondo il famigerato oncologo, “è stata accusata di ripetere le pratiche di morte della Germania nazista, scambiando la pietà di oggi con gli orrori di ieri. È una polemica solo ideologica, ingenerosa e crudele”. Il vento della “dolce morte” soffia da nord e porta i propri letali semi sin qui da noi, trovando già terreno fertile per far crescere la mala pianta dell’eutanasia infantile.

Qui l’articolo originale

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.