Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconNews
line break icon

Paul Bhatti: Non sono fuggito, sarò in Pakistan per l'anniversario della morte di Shahbaz

© AIUTO CHIESA CHE SOFFRE

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 11/02/14

La persecuzione dei cristiani in Pakistan continua

«Non sono affatto fuggito. Amo il mio paese e sarò in Pakistan per il terzo anniversario della morte di mio fratello». Così Paul Bhatti, in una conversazione avuta ieri mattina con Aiuto alla Chiesa che Soffre-Italia, smentisce le voci che lo vorrebbero in Italia a causa di minacce ricevute di recente.

Il consigliere speciale del primo ministro pachistano per le minoranze religiose, e presidente dell'Alleanza pan-pachistana delle minoranze (Apma), è nel nostro paese per alcuni impegni concordati in precedenza e farà ritorno in Pakistan la settimana prossima. Eppure da sabato scorso alcune testate pachistane sostengono che si sia rifugiato in Italia per il timore di possibili attentati. «È vero che ho ricevuto delle minacce – spiega ad ACS – ma non è affatto una novità. Le intimidazioni non m’impediranno di continuare il mio lavoro». Da quando ha deciso di proseguire l’opera di suo fratello Shahbaz, ministro per le minoranze assassinato il 2 marzo 2011, Paul Bhatti s’è visto recapitare più di un “avvertimento”, ma mai ha pensato di abbandonare i cristiani pachistani. «Scappare ora vorrebbe dire porre fine alla missione di Shahbaz: una causa alla quale ha dedicato tutta la sua vita e per la quale è stato ucciso. Inoltre significherebbe lasciare il mio paese, che io amo profondamente». In seguito al «martirio» di suo fratello, Paul ha deciso di lasciare l’Italia, dove viveva da diversi anni, per raccogliere l’eredità del ministro per le minoranze.

Paul Bhatti non teme per la sua vita, quanto piuttosto per quella dei suoi familiari. Le minacce erano rivolte anche alla sua famiglia. Dopo l’assassinio di Shahbaz, una delle sorelle e la madre Marta sono state costrette a rifugiarsi in Canada, dove da tempo si era già trasferito il fratello Peter. Ma un altro dei fratelli, Sikandar vive ancora nel loro villaggio natale, Khushpur, nel distretto di Faisalabad.

A preoccupare Bhatti sono inoltre le intimidazioni ricevute da alcuni testimoni oculari dell’omicidio di Shahbaz e del legale che rappresenta la sua famiglia, costituitasi parte civile. «Mi sono rivolto al governo del Pakistan affinché protegga i testimoni ed il nostro avvocato – racconta ad ACS – Le autorità mi hanno garantito che forniranno loro adeguata protezione, affinché nulla possa compromettere il processo per l’assassinio di mio fratello».

Tra qualche giorno Paul tornerà in Pakistan dove parteciperà a diverse iniziative in ricordo di Shahbaz Bhatti, organizzate nel terzo anniversario della sua morte, e dove continuerà la propria opera in difesa delle minoranze religiose. Un impegno che lo scorso anno ha portato alla liberazione di Rimsha Masih, la quattordicenne affetta da ritardo mentale accusata di blasfemia. Paul ha attribuito la vittoria all’inestimabile lavoro di suo fratello. «Io porto avanti la sua missione, che lui ha creato e fatto crescere. E se raggiungiamo dei risultati il successo è soltanto suo».

Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2012 ha raccolto oltre 90 milioni di euro nei 17 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato oltre 5.604 progetti in 140 nazioni.

Tags:
pakistanpaul bhattipersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni