Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconNews
line break icon

Giornata del Malato, una riflessione

MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP

<span class="standardtextnolink">November 19, 2013 : Father Augusto Chendi attends the press conference of presentation of the XXVIII International Conference of the Pontifical Council for Health Care Workers, at the Vatican.</span> <span class="standardtextlabel">Signature:</span> <span class="standardtextnolink"><a class="standardtext">&copy;MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP</a></span>

Camilliani - pubblicato il 10/02/14

Padre Augusto Chendi, del pontificio consiglio per gli operatori sanitari commenta il messaggio di Papa Francesco

di padre Augusto Chendi, M.I.
Sotto-Segretario del Pontificio Consiglio per  gli Operatori Sanitari (per la Pastorale della Salute)


In occasione della Giornata Mondiale del Malato, che si celebrerà il prossimo 11 febbraio, Memoria liturgica della Beata Vergine di Lourdes, il Santo Padre ha inviato a tutta la Chiesa un Messaggio, che, in questa XXII edizione, propone ed approfondisce il tema: Fede e carità: «Anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli» (1 Gv3,16).
Il binomio fede e carità, scelto da papa Francesco, sembra inusuale, se affidato alle persone ammalate, quali primi destinatari del Messaggio. Esse, infatti, solitamente vengono intese piuttosto come destinatari della fede, che si rende operosa e concreta nella carità. Anche i malati, invece, in forza dell’assunzione della sofferenza e della malattia operata da Gesù, che le ha trasformate e ridimensionate nel loro intimo, possono essere artefici di un darsi incondizionatamente all’altro per lo stesso amore del Figlio di Dio.

Le loro sofferenze e pene, pertanto, illuminate e sostenute dalla fede, si trasformano in forza per amare fino alla fine, anche i nemici, cosicché l’odio, l’incomprensione e, peggio ancora, l’indifferenza non hanno più l’ultima e definitiva parola. «La prova della fede autentica in Cristo – sono le parole contenute nel Messaggio di Papa Francesco – è il dono di sé, il diffondersi dell’amore per il prossimo, specialmente per chi non lo merita, per chi soffre, per chi è emarginato».
Non meno importante, però, resta la coerenza della testimonianza cristiana della fede, richiesta per coloro che in modo del tutto singolare si chinano nel gesto dell’amore misericordioso verso il prossimo infermo, abbandonato, emarginato. È la schiera di professionisti della salute, di familiari, di operatori pastorali nel campo della salute, di membri del variegato mondo del volontariato, ma anche di sacerdoti nelle parrocchie, di ministri straordinari dell’Eucaristia, di semplici laici… che in forza del Battesimo e della Confermazione sono chiamati ed abilitati a conformarsi a Cristo, Buon Samaritano, stemperando nel vissuto quotidiano e silenzioso il «dare la vita per i fratelli» (1 Gv 3,16).

Un gesto non eclatante, ma intriso di professionalità e di vicinanza appassionata, attenta e rispettosa, che dischiude in sé l’intima missione affidata da Gesù alla Chiesa: «li mandò ad annunciare il Regno di Dio e a guarire i malati» (Lc 9, 2). In tale contesto,il mondo della salute nel suo insieme, complesso per le persone coinvolte e complementare nelle reciproche responsabilità, viene inteso da Papa Francesco come uno strumento insostituibile e prezioso di evangelizzazione. Così, infatti, il Santo Padre afferma nel suo Messaggio: «Quando ci accostiamo con tenerezza a coloro che sono bisognosi di cure, portiamo la speranza e il sorriso di Dio nelle contraddizioni del mondo. Quando la dedizione generosa verso gli altri diventa lo stile delle nostre azioni, facciamo spazio al Cuore di Cristo e ne siamo riscaldati, offrendo così il nostro contributo all’avvento del Regno di Dio».

Si tratta, certamente, di un impegno arduo, ma al tempo stesso esaltante, che imprime nuovo impulso al mondo della salute e della pastorale sanitaria, sul quale veglia Colei, che ai piedi della Croce ci è stata affida come Madre: persone ammalate e operatori sanitari, come tutti i componenti del mondo della salute, sono collocati – secondo le stesse parole di Papa Francesco – in uno spazio privilegiato ed esclusivo: «Chi sta sotto la Croce con Maria, impara ad amare come Gesù». 

Qui l'articolo originale

Tags:
camilliani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni