Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconNews
line break icon

Eluana Englaro. 5 anni dopo, cosa è cambiato?

@DR

Aleteia - pubblicato il 10/02/14

Tante le questioni aperte sul fine vita e una grande domanda: come stare davanti a un dolore così?

Sono passati cinque anni quando si concluse nel modo più drammatico la delicata vicenda di Eluana Englaro. Quei giorni, in cui lo scontro ideologico divideva in due l’opinione pubblica, non sono serviti a costruire una risposta credibile ad un dramma che, nel nostro Paese, riguarda migliaia di persone e le loro famiglie.

Tutto fermo sul “fine vita”

Oggi – come si legge da un articolo di Maurizio Cei pubblicato il 9 febbraio su gonews.it – il dibattito sul fine vita sembra si sia fermato. Anche i parlamentari che provarono, nelle ore precedenti alla morte di Eluana, a legiferare in materia con un decreto legge, per fermare l’interruzione dell’alimentazione artificiale consentita dalla Corte di Cassazione che respinse l’appello della Procura di Lecco, una volta spenti i riflettori sulla triste vicenda di Eluana, non si sono più occupati della questione. E ora, a distanza di cinque anni, non si registra nessun intervento normativo sull’argomento. Anche sul limite fra cura e accanimento terapeutico manca una decisione chiara, non solo a livello politico, ma anche da parte della scienza e del comitato di bioetica.

Il dovere dello Stato e la libertà della persona

Solo una presa di posizione su questo argomento potrà evitare il rappresentarsi di situazioni analoghe a quelle di Eluana. E solo da questa chiarezza potrà nascere un percorso positivo sui temi legati al fine vita, come quello sul testamento biologico, che tengano insieme il dovere dello Stato di mettere in campo tutte le forze possibili per tutelare la vita di ogni essere umano e quelle dell’individuo che, coscientemente e responsabilmente, può mettere un limite all’intervento e all’ingerenza dello Stato stesso sulla propria vita.

Qualche proposta ma nessuna risposta

Eugenia Rocella, dalle pagine di Avvenire del 10 febbraio, dice che per far fronte a questa problematica ci sarebbero già alcuni strumenti. “Ci sarebbe un budget da 60 milioni l’anno, stanziati dal 2009, per finanziare alcuni progetti a sostegno di casi come questo. E ci sono le linee-guida che abbiamo varato per intervenire su un problema che riguarda molte famiglie. Fra l’altro – prosegue l’ex-sottosegretario alla Salute – anche come costi il coinvolgimento previsto delle associazioni in chiave sussidiaria consentirebbe di evitare costosissime e disumane ospedalizzazioni». Invece, anche sul piano operativo non ci sono ancora risposte. Spiega Gianluigi Gigli, dei Popolari per l’Italia, la scorsa legislatura coordinatore del gruppo di lavoro sugli stati vegetativi del ministero della Salute: «La strada è quella tracciata dall’accordo Stato-Regioni del 5 maggio 2011, che però è rimasto fermo».

Anche Gigli prova a sollecitare, ripartendo da quell’accordo: «Si tratta di prendere atto – spiega – che la scienza è andata avanti, ha creato nuove speranze e nuove acquisizioni che documentano la coscienza sommersa di queste persone, tanto che anche la definizione stessa di stati vegetativi inizia a stare stretta».


Come vivere la sofferenza? 

Di fronte a un dramma come questo, e al di là delle decisioni socio-politiche, resta sempre una domanda: come si può stare davanti a un dolore così grande? Come si può sopportare la sofferenza quando supera la nostra misura umana?
Benedetto XVI aveva ricordato che per sperare “l’essere umano ha bisogno dell’amore incondizionato. […] Se esiste questo amore assoluto con la sua certezza assoluta, allora – soltanto allora – l’uomo è redento, qualunque cosa gli accada.” (Spe Salvi).

E questo amore è stato testimoniato da molte persone che hanno vissuto accanto a Eluana, come le suore che l’hanno accudita per tanti anni.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
anniversariobioeticatestamento biologicovita
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni