Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconChiesa
line break icon

Santi si nasce o si diventa?

موقع أبونا

Catalunya Cristiana - pubblicato il 07/02/14

Intervista a José Carlos Martín de la Hoz, sacerdote, teologo e storico della Chiesa

di Samuel Gutiérrez

“Santi non si nasce, si diventa, e si diventa con qualcosa di tanto meraviglioso come l'incrocio tra la grazia di Dio e la libertà umana”. Lo afferma lo storico José Carlos Martín de la Hoz, che da undici anni lavora all'ufficio per le Cause dei Santi dell'Opus Dei. A contatto con la vita di persone che vanno verso l'onore degli altari, Martín de la Hoz ha scoperto che nella santità spiccano due tratti essenziali: la carità e l'umiltà.

La Chiesa non esce molto bene dai libri di storia… Ci sono più leggende che storia vera?

La parola “leggenda” viene dal termine latino legendus, legenda, legendum, che significa “le cose che devono essere lette”. È a tal punto così che le leggende, nei secoli XV, XVI e XVII, erano soprattutto le vite dei santi.

Attualmente “leggenda” fa riferimento a un fatto storico deformato che viene utilizzato per “fustigarne” un altro. Ad esempio la leggenda nera dell'evangelizzazione dell'America, che prende i fatti erronei di quell'epoca per castigare la Chiesa. Il cambiamento che ha subito il termine è assai significativo. È un passaggio dalla fiducia alla sfiducia.

In questo senso, è importante una data-chiave: il 12 marzo 2000. Quel giorno, davanti a un impressionante crocifisso del XII secolo, Giovanni Paolo II ha chiesto solennemente perdono per tutti i peccati di tutti i cristiani di tutti i tempi.

Noi cristiani dobbiamo chiedere perdono ogni giorno per le incoerenze della nostra vita riguardo al Vangelo. Chiedendo perdono siamo in condizione di perdonare gli altri. Se ci perdoniamo a vicenda e impariamo a dimenticare gli errori, potremo generare fiducia e costruire insieme una società più giusta.

A cosa è dovuto questo suo interesse per le leggende nere della Chiesa?

L'obiettivo è quello di eliminare gli anacronismi. Bisogna cercare di entrare nella mentalità dell'epoca per segnalare gli errori, ma anche comprendere il contesto.

Giudicare i fatti del passato con la mentalità attuale è un errore e non serve a niente. Oggettivare il problema ci aiuta a chiedere perdono per le cose che lo meritano davvero. Non abbiamo motivo di chiedere perdono perché Galileo è morto sul rogo. Perché non è morto sul rogo, ma a casa sua, circondato dalla sua famiglia.

Però ci sono stati altri roghi…

Sì, certo, ma non poi tanti come si dice. Per questo è importante oggettivare le leggende nere e vedere cosa è avvenuto realmente. È innegabile che si deve chiedere perdono per le cose che sono state fatte male, ma è anche vero che la Chiesa ha fatto e continua a fare cose meravigliose, spesso in silenzio. Si tratta di presentare la verità completa.

Lei lavora da anni sulle leggende “bianche”, ovvero le vite dei santi. Cosa ha scoperto?

Studiando queste vite si scopre che santi non si nasce, si diventa. E lo si diventa con qualcosa di tanto meraviglioso come l'incrocio tra la grazia di Dio e la libertà umana.

Quando inizio un processo di canonizzazione, scrivo un libro di 40 pagine in cui riassumo a grandi linee i tratti della persona. Cerco sempre di scoprire i punti che doveva migliorare, i suoi punti deboli. Ne abbiamo tutti. Nella vita spirituale si procede molto più nei momenti di burrasca e debolezza che in quelli di bonaccia.

È bello vedere come una persona con molto carattere lotti per addolcire i propri modi senza perdere la forza che la caratterizza. È bello anche vedere come vince la vergogna e la timidezza a favore della predicazione. I santi diventano santi con la grazia di Dio, e anche con i propri sforzi. La lotta è l'espressione dell'amore.

  • 1
  • 2
Tags:
santi e beatisantitastoria della chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni