Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Allarme carceri: dov’è la Giustizia?

© DR
Condividi

Lo stato delle nostre carceri è disumano: sovraffollate e piene di persone che avrebbero bisogno di aiuto per malattia o dipendenza. Troppi in attesa di giudizio.

I 206 istituti penitenziari italiani, progettati per una capienza massima di 47.709 posti, nel dicembre scorso ospitavano 62.536 detenuti; erano 14.827 i detenuti in eccesso. Inoltre i 4 m² di spazio per detenuto che la legislazione europea impone sono ancora un miraggio per i detenuti nelle carceri italiane.

Ancora più grave della situazione delle strutture sono le condizioni in cui versano i detenuti: circa il 22% di loro ha la tubercolosi, il 4% è affetto dal virus dell’Aids, il 5% dall’epatite B. Una percentuale minore soffre di dipendenze e di disturbi psichiatrici che spesso sono la causa di autolesionismi e suicidi .

Nel 2013 dei 142 morti in carcere, sono stati 46 i detenuti che si sono tolti la vita, una media di 4 suicidi al mese. Si tratta del dramma silenzioso delle carceri se si considera che negli ultimi 13 anni si sono suicidati quasi 800 detenuti, una percentuale 19 volte superiore a quella che si registra nella società.

Da un punto di vista antropologico le carceri italiane sono diventate luoghi transnazionali, dove culture diverse invece di incontrarsi si scontrano. È l’immagine disperata dei quattro capponi che Renzo voleva regalare al dottor Azzeccagarbugli, i quali ignari di essere affratellati da un comune destino, legati per i piedi e a testa in giù, si beccavano tra loro.
I detenuti stranieri sono circa il 35% dell’intera popolazione carceraria. Su di loro i riflettori dei media sono spesso condizionati da letture ideologiche e di parte: non vengono chiamati per nome ma si rimanda sempre alla loro nazionalità — «Un albanese ha rubato…», «A spacciare è stato un colombiano…» ecc. —, inoltre sembrano gli unici a violare la sicurezza sociale.
Oltre all’urgenza a cui far fronte rimangono domande di fondo a cui rispondere: ha senso tenere 27.000 tossicodipendenti in carcere senza adeguate cure? È giusto tenere 12.145 detenuti (il 18,8% della popolazione carceraria) in attesa di essere giudicati in primo grado? Per quali motivi l’Italia è nel Consiglio d’Europa seconda solo dopo la Russia per la durata dei processi?

Le risposte insieme ad altre altre riflessioni sono pubblicate in: La Civiltà Cattolica n. 3927.

Qui l'articolo originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.