Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 03 Marzo |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Come vivere i social network ed evangelizzarli?

Pedofilia e social network: sempre più foto di bimbi

@DR

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 03/02/14

Mercoledì il secondo appuntamento su youtube organizzato dal WeCa, appuntamento dedicato a Facebook e Twitter

Secondo appuntamento con gli hangout dell'associazione Webmaster Cattolici (WeCa) del ciclo “La Rete: come viverla?”, la piattaforma pensata per parrocchie, comunità, ordini ed in generale per genitori ed educatori che volessero comprendere meglio il web per poterlo vivere e riempire di contenuti valoriali.

Mercoledì 5 alle 21 durante la diretta su youtube si inizierà ad affrontare il tema dei social network per l'appunto un “mondo da scoprire”, tema che verrà affrontato lungamente anche nella terza puntata del 19 febbraio. Aleteia ha contattato i tre ospiti che affronteranno le domande degli utenti e forniranno spunti ed esempi per una fruizione consapevole di Facebook e Twitter.

Introduce Francesco Micali di Mediabeta, che spiegherà “Cosa sono i social network oggi, quali le opportunità di queste nuove piazze, che sono uno spazio di incontro e che sono una opportunità per incontrare chi è lontano”. Come si sta sui social? “E' importante starci in un certo modo, col Weca pensiamo ai social come luoghi di evengalizzazione: parlare e ascoltare. Perchè la dimensione essenziale è capire chi vuole dialogare su questo argomento, dunque essere disponibili verso gli utenti”. Centrale sarà il focus su Facebook e Twitter, l'argomento principale della serata e che come ricorda Francesco “proprio attorno al 5, Facebook compie 10 anni, sarà interessante capire come è cambiato e come si è evoluto dai profili ai gruppi alle pagine e le sue differenze rispetto a Twitter per linguaggio e sintassi”

Dal canto suo, Francesca Triani di Seed, spiega con chiarezza che “Il nostro obbiettivo è fare una panoramica sui social. Da un lato osservare come si comportano i soggetti più consolidati dando così qualche spunto a chi si affaccia per la prima volta a questa realtà. Dall'altro lato vorremmo rispondere anche all'aspetto sul come mi devo relazionare agli altri sul web quando non rappresento me stesso ma – per esempio – un ordine, una parrocchia, una comunità. E' essenziale avere ben chiara l'identità del soggetto che si vuole rappresentare per poterlo portare sulla rete”.

Maria Filomia, dottore di ricerca in sicenze umane e comunicazione e blogger, invece si concentrerà “in particolare su come si costruisce un post di facebook con particolare attenzione alle impostazioni di privacy e localizzazione e successivamente poi sui profili dei social per i minorenni” un tema molto delicato quello tra media e minori, perché è bene sapere “quali sono i limiti di età che genitori e figli dovrebbero rispettare nella presenza dei più giovani sul maggiore dei social network mondiali”

Tags:
retesocial networkweca
Top 10
See More