Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconNews
line break icon

"La legittimità del governo ucraino è inficiata dal non rispetto dei diritti umani"

© DR

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 28/01/14

L'eparca ucraino Gudziak chiede l'intervento internazionale per facilitare il dialogo e la pacificazione

«Non potrà esserci un dialogo efficace senza una mediazione internazionale». Così monsignor Boris Gudziak, vescovo dell'eparchia ucraina di San Volodymyr a Parigi, in alcune dichiarazioni rilasciate ad Aiuto alla Chiesa che Soffre. L’eparca ha commentato l’attuale momento ucraino, invocando un intervento esterno che favorisca un proficuo dialogo tra le parti.

Monsignor Gudziak, già rettore dell’Università cattolica di Ucraina, critica la dura reazione del governo e la violenta risposta della polizia, che in più di un’occasione è intervenuta con violenza nei confronti dei manifestanti: reati per cui nessun colpevole è stato assicurato alla giustizia. «La brutalità delle forze speciali è per molti ucraini un ulteriore invito a scendere in piazza. Peraltro le violenze minano l’autorità stessa del governo, la cui legittimità è inficiata dal mancato rispetto dei diritti umani».
Dopo «due mesi di profondi cambiamenti, durante i quali il livello di consapevolezza della popolazione è notevolmente aumentato», il vescovo si augura che l’Ucraina non «volti le spalle al clima di pace che ha regnato nel paese dopo la fine della dominazione sovietica». Sebbene in maniera drammatica, l'Ucraina cerca oggi di spezzare i legami con il passato e di mettere la parola fine ad un periodo caratterizzato dalla paura e dalla sottomissione.

«Le persone non manifestano per sostenere un partito o un candidato, ma per difendere i propri principi», afferma monsignor Gudziak sottolineando la natura pacifica delle proteste. L’eparca fa inoltre notare come ogni giornata di contestazione si apra con una preghiera ecumenica e come tra i manifestanti vi siano molti sacerdoti pronti a confessare chiunque ne abbia bisogno.

«Nell’Europa del XXI secolo è difficile immaginare un’iniziativa altrettanto segnata dalla preghiera».
Nel dicembre scorso le Chiese e le comunità religiose d’Ucraina hanno presentato una dichiarazione congiunta per chiedere al governo ucraino di ascoltare le richieste dei manifestanti, di porre fine alle violenze e di aprirsi al confronto con i vari gruppi dell’opposizione. Dopo oltre un mese, l’eparca torna a ribadire l’urgente necessità di dialogo: «è un processo difficile, ma non vi è alternativa. La nostra unica speranza è che la ragione e i principi etici prevalgano e che le parti possano finalmente iniziare a dialogare».

Intanto ieri, durante una riunione durata più di quattro ore, il presidente Janukovich ed i tre principali leader dell’opposizione hanno raggiunto un accordo di massima per la cancellazione delle cosiddette leggi anti-protesta, leggi che dovrebbero essere abolite oggi durante una sessione straordinaria della Verkhovna Rada, il parlamento ucraino.

Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2012 ha raccolto oltre 90 milioni di euro nei 17 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato oltre 5.604 progetti in 140 nazioni.

Tags:
paceprotesteucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni