Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconNews
line break icon

Giocare in attacco

© Mazur/catholicnews.org.uk

Terre D'America - pubblicato il 27/01/14

Il papa utilizza un linguaggio popolare ricco di metafore e di modi dire, con una passione per il calcio, anche nel suo linguaggio

di Jorge Milia

Che il calcio sia una “pasión de multitudes” più che uno slogan da giornale sportivo è una definizione che fotografa la realtà. Argentina e calcio sono tutt’uno. Chi lo segue, in generale, ne è completamente preso: si appassiona ad una squadra, le consegna il proprio cuore, ne diventa tifoso, “hincha” nel gergo di Buenos Aires. E’ raro che con il passare del tempo un tifoso tradisca la passione primigenia, a meno che le vicende della vita non lo spingano a trasferirsi in un paese lontano, oppure – cosa che è successa più di una volta – che la squadra del cuore venga cancellata da un fallimento economico. Per la maggioranza dei tifosi, insomma, la formula del matrimonio “finché morte non li separi” è più che mai valida.

La fede dei tifosi nasce in molti casi nel seno della propria famiglia; ci sono nuclei parentali dove non ci si sognerebbe mai che un proprio membro flirti con una squadra diversa da quella sedimentata nella fisionomia identitaria del proprio casato; quando le opinioni sono diverse, vengono accettate, sì, ma al prezzo di una perenne schermaglia. La scuola è un altro alveo dove si abbozza e si cristallizza una appartenenza calcistica. Qualunque sia l’origine storica della propria passione il legame con la squadra del cuore resta immutato nel tempo. Anzi, accresciuto dal tempo. Si continuano a soffrire le sconfitte, si gioisce per le vittorie a venti, come a trenta o quarant’anni, sospesi in una eterna giovinezza.

Sappiamo che Papa Francesco non sfugge a questa “legge” della passione sportiva; è un tifoso anche lui, del San Lorenzo de Almagro da sempre, ne conosce le vicissitudini, e, quando può, non trascura di informarsi sulle sorti della squadra. Sappiamo anche che la bella notizia della vittoria dell’ultimo campionato (2013) dopo molto tempo, lo ha rallegrato. Nella sua profonda formazione di gesuita argentino, niente che sia “popolare” gli è estraneo: cucina, musica, calcio, letteratura, poesia. Anche per questo conosce bene il gergo calcistico, lo adopera con proprietà, e non esita a servirsene per scopi pastorali.

Come quando, durante la Giornata mondiale della gioventù in Brasile – altro paese del tifo calcistico che non ha eguali nel mondo – si è rivolto ai giovani esortandoli a “giocare nella squadra” di Gesù. Non ha abbandonato la metafora calcistica prima di averla spremuta ben bene. “Cosa fa un giocatore quando è convocato a far parte di una squadra? Deve allenarsi, e allenarsi molto! Così è la nostra vita di discepoli del Signore”. Per poi citare san Paolo che addita ai cristiani del suo tempo la figura di una disciplina sportiva e le qualità richieste per praticarla: “Ogni atleta è disciplinato in tutto; essi lo fanno per ottenere una corona che appassisce; noi invece una che dura per sempre”. Il premio stesso, per il Papa, ha una comparazione ben nota.

«Gesù ci offre qualcosa di superiore della Coppa del Mondo! Gesù ci offre la possibilità di una vita feconda, di una vita felice e ci
offre anche un futuro con Lui che non avrà fine, nella vita eterna.(…). Ma noi dobbiamo “essere in forma” per affrontare senza paura tutte le situazioni della vita, testimoniando la nostra fede». Insomma, dobbiamo “sudar la camiseta”. Che non c’entra soltanto con l’ambito calcistico, ha a che vedere con il lavoro, per esempio. Chi lavora, chi “guadagna il pane con il sudore della fronte” suda anche lui la sua maglietta; e gli sportivi (non soltanto i calciatori) che più la sudano sono quelli che più corrono, più giocano e s’impegnano per far vincere la propria squadra.

L’idea di papa Francesco è sempre stata quella di una Chiesa in cammino. Non la concepisce come un insieme di gruppi statici, li vuole in marcia, in movimento, anzi, di corsa e “sudando la maglietta”: giocano nella squadra di Dio, sono i suoi atleti. La realtà del sacrificio richiede qualcosa di diverso dalla linda presenza domenicale, qualcosa che assomiglia di più alla fatica di un giorno lavorativo o di una partita decisiva ai fini del risultato.

Continuando con le metafore calcistiche, l’ho sentito dire più di una volta che occorre “patear por adelante”, calciare in avanti, verso la porta; non rimanere indietro, impauriti, alla difensiva; dobbiamo puntare a vincere, fare gol. Fuor d’immagine: non perdersi in finte inconcludenti, non rimanere indietro o fermarsi a metà campo. “Calciare in avanti” è un atteggiamento sano, che offre a Dio l’opportunità di darci la vittoria.

Forse in altri tempi il Papa gesuita avrebbe usato espressioni più belliche, di milizie, soldati, e compagnie preparate alla battaglia, ma le immagini tratte dal calcio percuotono orecchie che le prime lascerebbero forse indifferenti.
Nessuno s’inganni. Papa Francesco non svaluta la Parola; semplicemente la complementa con altre che permettono che la Parola arrivi più in là, a periferie meno raggiungibili altrimenti.

Qui l'articolo originale

Tags:
gergopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni