Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconChiesa
line break icon

Chi sono gli «angeli ribelli» che Dio ha messo in catene?

© DR

Novena.it - pubblicato il 24/01/14

Esiste un lungo filone interpretativo che considera senz’appello la condanna di quegli esseri che nel racconto della Genesi si sono uniti alle «figlie degli uomini»

Vorrei un chiarimento sul significato del versetto 2,4 della seconda lettera di san Pietro: «Dio infatti non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li precipitò negli abissi tenebrosi dell’inferno, serbandoli per il giudizio» (2Pt. 2,4). Sono gli stessi angeli a cui si riferisce la lettera di Giuda: «e che gli angeli che non conservarono la loro dignità ma lasciarono la propria dimora, egli li tiene in catene eterne, nelle tenebre, per il giudizio del gran giorno” (Gd. 1,6) e di cui parla Matteo nel suo Vangelo? «Cominciarono a gridare: “Che cosa abbiamo noi in comune con te, Figlio di Dio? Sei venuto qui prima del tempo a tormentarci?”» (Mt. 8,29). Battista Mondin, nel suo libro «Gli abitanti del cielo», Edizioni Studio Domenicano, dice che corrispondono agli angeli ribelli di si cui parla nella lettera di Giuda (Gd. 1,6). Anche Giovanni Paolo II nell’udienza, tenuta nel 1986 a Castel Gandolfo, dal titolo: «La caduta degli angeli ribelli», dice che gli angeli di Gd. 1,6 e di 2Pt. 2,4 sono la stessa cosa. Cosa ne pensate?

Carmine Caiazzo

Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura

«Dio non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li precipitò in abissi tenebrosi, tenendoli prigionieri per il giudizio» (2 Pietro 2,4). Il testo, a cui fa riferimento il lettore, e che nel greco originale richiama il «Tartaro», come luogo di punizione ancor più profondo dell’Ade, è certamente in stretto legame con la breve lettera di Giuda (un solo capitolo!), e in particolare con il versetto richiamato: il Signore «tiene in catene eterne, nelle tenebre, per il giudizio del grande giorno, gli angeli che non conservarono il loro grado [lett. "autorità"] ma abbandonarono la propria dimora» (Giuda 6).

Entrambi gli scritti apostolici fanno riferimento ad un passo decisamente oscuro del libro della Genesi: «Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro figlie, i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. Allora il Signore disse: "Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni". C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo – quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi» (Gen 6,1-4). L’episodio evoca il ricordo di una «razza insolente di superuomini» (Bibbia di Gerusalemme), che richiamano antiche mitologie di giganti (o titani), come un esempio della crescente perversità della specie umana. Si apre la strada al diluvio, quando Dio arriva fino ad esser disgustato d’aver creato l’uomo: «Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. E il Signore si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo» (Gen 6,5-6).

Nei «figli di Dio» poc’anzi rammentati, la tradizione dell’ebraismo e i primi scrittori cristiani (fino al III secolo) hanno visto le figure di angeli colpevoli, ed esattamente «gli esseri gloriosi decaduti» (2 Pietro 2,10).

La stessa tradizione si trova in un apocrifo dell’Antico Testamento, il libro di Enoc, che risale alla metà del II secolo a.C. Nella prima parte (il Libro dei Vigilanti) si legge: «il Signore disse a [coloro che] che si unirono con le donne per corrompersi, con esse, in tutta la loro impurità … essi saranno legati fino alla fine delle generazioni» (Enoc 10,11.14). Si ha un preciso riferimento al misterioso episodio della Genesi, con l’aggiunta di una punizione senza scampo di quanti si sono macchiati di questo crimine: «e il Signore disse a Raffaele: "Lega Azazel mani e piedi e ponilo nella tenebra, spalanca il deserto … e ponilo là. E ponigli sopra pietre tonde ed aguzze e coprilo di tenebra. E stia là in eterno e coprigli il viso e che non veda la luce» (10,4-5). Ancora lo stesso apocrifo aggiunge: «Enoc, scrittore di giustizia, va’, annunzia agli angeli vigilanti del cielo che hanno abbandonato il cielo eccelso e la sede santa in eterno e si sono corrotti con le donne e hanno agito come i figli degli uomini ed hanno tolto, per loro, le donne ed hanno commesso grande corruzione sulla terra e per i quali non vi sarà pace sulla terra, né remissione del peccato … [Annunzia che] non vi sarà per loro né perdono né pace» (12,3-6).

  • 1
  • 2
Tags:
angeliantico testamentolibro della genesi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni