Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconChiesa
line break icon

Il discernimento dei gesuiti: Dio parla con la consolazione

© DR

padre Francesco Occhetta - "L'UMANO NELLA CITTÀ" Il blog di Francesco Occhetta - pubblicato il 23/01/14

"“Quando ti impegni per uscire dal male e cerchi il bene, Dio ti parla con la consolazione spirituale"

“Quando ti impegni per uscire dal male e cerchi il bene, Dio ti parla con la consolazione spirituale. Questa è di tre tipi: il primo quando sorge in te qualche movimento intimo che ti infiamma d’amore per il Signore, e ami in lui e per lui ogni creatura, oppure versi lacrime che ti spingono ad amare il Signore e servire i fratelli, o a detestare i tuoi peccati; il secondo quando c’è in te crescita di speranza, di fede e di carità; il terzo quando c’è in te ogni tipo di intima letizia che ti sollecita e attrae verso le cose spirituali, verso l’amore di Dio e il servizio del prossimo, con serenità e pace del cuore” (Esercizi Spirituali, n. 316).

Quando vogliamo cambiare vita e fare il bene ci chiediamo: come parla Dio? Dio parla con la consolazione che significa stare-con-chi-è-solo.

Gli stati d’animo positivi Ignazio li chiama le “consolazioni”, mentre quelli negativi le “desolazioni”. Si tratta di una terminologia semplice, biblico-profetica, che permette però di far luce sugli stati d’animo interiori che non sono solo soggettivi, ma vere «mozioni spirituali». Le prime nascono dallo spirito buono e le seconde dallo spirito cattivo.

Ignazio descrive la consolazione non la definisce teologicamente: la sua prospettiva è quella dell’esperienza spirituale personale, non della teologia accademica.

I sentimenti che ascolti nel cuore sono quelli di amore per la fonte della vita e delle sue creature. Oltre al male che nel mondo c’è, si inizia anche a vedere il bene e a riconoscere gli amici di Dio in cammino con te. Amare è “ri-cordare” l’altro, “portarlo-nel-cuore”. Su questa memoria si dovrebbe basare ogni azione. Scrive Sivano Fausti: “Se ami, il tuo piacere è piacere all’altro, che diventa norma del tuo sentire, pensare e agire”.

Sant’Ignazio dice che ci sono tre grandi tipi di consolazione: una sensibile e un’altra insensibile o quasi, più una terza poco sensibile, che sta tra le due.

La prima è la più sensibile, ma anche la meno chiara, può nascere da te o introdotta in te dal nemico. Questa consolazione è come la pioggia in un giardino in estate quando le piante rialzano il capo e il verde riprende vigore. Per lo spirito è gioia, sollievo, riposo e forza. La pioggia passa, ma il suo beneficio perdura come fecondità di vita. Tuttavia gran parte dell’acqua si perde. Se invece della pioggia arriva un temporale con la tempesta che spazza via cose buone e non buone che non vengono dal Signore e lasciano conseguenze ancora peggiori. Questa consolazione è descritta come “movimento intimo”, un moto che viene dal più interno di te, e che ti attraverso da un sentimento profondo che da pace, e può, grazie alla gioia che lascia, far piangere. Si tratta di un’esperienza di liberazione che in genere purifica, fa sentire libero da feriti e da ricordi del passato.

La seconda è assai poco sensibile o addirittura insensibile: è una crescita di speranza, di fede e di amore, che riscontri nella tua vita concreta. Questa consolazione è come una vena d’acqua sotterranea presente solo all’interno. È l’esempio del prato verde in estate grazie alle irrigazioni interne che non si vedono. Si tratta di consolazioni, profonde e sostanziali, che consistono in una crescita della forza dello spirito, che ti fa “andare avanti” nella libertà di amare e servire Dio e il prossimo.

Il terzo tipo di consolazione è poco sensibile, o lo è in modo soave e leggero. Si presenta con sentimenti che si avvertono o nel silenzio oppure da sensibilità raffinate. Questa forza consolatrice guida al bene, anche se in superficie possiamo sentire violenti moti contrari. È come l’albero che ondeggia a causa del vento forte, ma che resiste grazie alle sue robuste radici. Questi sentimenti si hanno grazie alla sua compagnia, un’attrazione verso Dio e la sua promessa che senti più reale di ogni realtà e ti eleva al di sopra delle difficoltà, una serenità e pace che ti fa trovare protezione e riposo in Dio.

Quando si è nello status di consolazione questa ti spinge a operare bene: sentila, riconoscila e acconsenti ad essa.

Paolo spiega questa dinamica parlando dei frutti della consolazione nella lettera ai Galati, al cap. 5,22.
Questi frutti sono:
amore,
gioia,
pace,
pazienza,
benevolenza,
bontà,
fedeltà,
mitezza,
dominio di sé;

Poi aggiunge: “contro queste cose non c’è legge”.

Nella lettera ai Corinti (13,4-8), Paolo elenca le 14 caratteristiche della caritas (l’amore):

“è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità. Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. La carità non avrà mai fine”.

Qui l'articolo originale

Tags:
discernimentosant'ignazio di loyolaspiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni