Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

Barack Obama continua a difendere l'aborto

Jeffrey Bruno

Jaime Septién - Aleteia Team - pubblicato il 23/01/14

Nel frattempo, l'insoddisfazione degli statunitensi nei confronti del suo governo tocca limiti storici

In quello che è stato forse il suo atteggiamento più chiaro al riguardo, il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha confermato questo mercoledì la sua difesa del “diritto all'aborto” per le donne statunitensi che decidono di sottoporvisi.

Il 27 marzo Obama sarà in Vaticano e porta con sé un'agenda ampia da trattare con papa Francesco. I temi che secondo gli esperti di politica statunitense Obama porterà davanti al pontefice hanno a che vedere con la situazione in Terra Santa, in Siria, in Medio Oriente e le riforme sanitarie implementate di recente.

Queste ultime cercano di obbligare tutte le istituzioni cattoliche della Chiesa negli Stati Uniti (scuole, ospedali, fondazioni) e anche gli imprenditori cattolici ad assicurare i propri impiegati con polizze che coprano metodi anticoncezionali e farmaci abortivi.

Paese di libertà, ma non per i concepiti

Nel 41° anniversario della sentenza della Corte Suprema americana che ha aperto la porta all'aborto, il primo Presidente di colore degli Stati Uniti ha affermato che “tutte le donne dovrebbero poter prendere le proprie decisioni relativamente al loro corpo e alla loro salute”.

La Corte si è pronunciata nel 1973 a favore di Norma McCorvey, che con lo pseudonimo di Jane Roe fece ricorso contro una legge dello Stato del Texas che permetteva l'aborto solo se la vita della donna era in pericolo. La Corte intese allora che la donna poteva interrompere la gravidanza tenendo conto del diritto alla sua vita privata.

Obama ha approfittato dell'anniversario della sentenza per ribadire in un comunicato il suo “impegno perché tutte le donne possano contare su un'assistenza sanitaria sicura e abbiano garantito il loro diritto costituzionale alla privacy, incluso il diritto alla libertà riproduttiva”.

Il Presidente ha chiesto anche di continuare a lavorare per ridurre il numero delle gravidanze non desiderate, difendere la salute materno-infantile e costruire comunità sicure e sane per i minori. “Questo è un Paese in cui tutti meritano le stesse libertà e opportunità per realizzare i propri sogni”, ha dichiarato.

Abortisti dell'aborto

Nel frattempo, migliaia di persone hanno manifestato contro l'aborto nella “Marcia per la Vita”, che come ogni 22 gennaio si è celebrata questo mercoledì a Washington, e hanno difeso l'adozione di un'alternativa per le donne incinte che non vogliono tenere i propri figli.

“Siamo abortisti dell'aborto” e “L'aborto è un omicidio” erano alcuni slogan che apparivano sugli striscioni nel 41° anniversario della sentenza della Corte Suprema. I manifestanti hanno sfidato le bassissime temperature e si sono concentrati sul National Mall della capitale statunitense, dove si è svolto un meeting con vari attivisti anti-aborto e legislatori.

Dai giardini del Mall coperti da una coltre di neve, i manifestanti – tra i quali numerosi bambini e giovani – hanno percorso le vie del centro di Washington fino ad arrivare alla Corte Suprema.

Calo della popolarità di Obama

In base a una ricerca pubblicata questo mercoledì da Gallup, due statunitensi su tre non sono soddisfatti del sistema di governo del Paese né del suo funzionamento.

Nel 2002, dopo gli attentati dell'11 settembre dell'anno precedente, gli insoddisfatti non superavano il 25%. Il 65% degli intervistati ha espresso il proprio disaccordo con il sistema. Si tratta della percentuale più alta da quando Gallup ha iniziato a studiare questa tendenza, nel 2001. L'insoddisfazione supera di cinque punti quella registrata nel 2013 e si colloca un punto al di sopra del massimo precedente, registrato nel 2012.

Traduzione dall'originale a cura di Aleteia

Tags:
abortoobamaobamacarestati uniti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni