Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconNews
line break icon

La mano e la particella di Dio

© DR

Forum Libertas - pubblicato il 21/01/14

Alcuni collegano le scoperte scientifiche al concetto di Dio, ma in realtà sono conseguenze della sua esistenza, non la sua esistenza in sé

di Juan Francisco Jiménez Jacinto

La NASA ha scoperto di recente, grazie al suo telescopio spaziale NuSTAR, quella che è stata definita la “mano di Dio”. L'immagine si presta sicuramente ad elaborazioni fantasiose: delle dita verdi toccano una nuvola rossastra situata a circa 17.000 anni-luce dalla Terra.

Parlando a livello scientifico, la mano sarebbe il prodotto dell'esplosione di una stella in una supernova e della successiva espulsione di un'enorme nube di materia cosmica, visibile nell'area azzurra dell'immagine, come ha spiegato l'agenzia spaziale americana, citata dal sito Space.

È interessante osservare come le scoperte scientifiche finiscano per diventare tentativi di avvicinarsi al concetto di Dio e della sua esistenza, anche se nella definizione popolare diffusa dai media. Nel 2012, ad esempio, la scoperta scientifica dell'esistenza del bosone di Higgs è apparsa nei media come “la particella di Dio”. Questa scoperta confermava la teoria proposta da un gruppo di scienziati guidati da Peter Higgs nel 1964.

La domanda che sorge è perché la scienza ha tanto interesse a trovare Dio nella creazione. La realtà è che queste scoperte, nella prospettiva cattolica, non sono Dio, ma la conseguenza dell'esistenza del Dio creatore.

Quando è stato scoperto il bosone di Higgs, il sacerdote gesuita Guy Consolmagno, astronomo e portavoce dell'Osservatorio Vaticano, ha dovuto chiarire che, pur non avendo relazione diretta con la teologia o la rivelazione, la scoperta scientifica chiamata da alcuni “particella di Dio” è un passo importante.

Il sacerdote ha spiegato che la scoperta, malgrado il suo nome, “non ha nulla a che vedere con la teologia o con Dio”, in nessun senso diretto. “La definizione 'particella di Dio’ è stato dato da Leon Lederman come scherzo”, ha ricordato l'astronomo del Vaticano. “Era fondamentalmente un titolo provocatorio per un libro che stava scrivendo sulla fisica delle particelle”.

P. Consolmagno ha commentato che Lederman “ha detto che se ci fosse una particella che potesse spiegare tutte le piccole cose che vorremmo spiegare, sarebbe un dono di Dio. È una metafora e non ha nulla a che vedere con la teologia”.

Secondo la NASA, “la ‘mano di Dio’ è una nebulosa che si trova a 17.000 anni-luce di distanza dalla Terra”. Si pensa che l'illuminazione captata dai raggi X sia il risultato dell'interazione del materiale espulso dopo l'esplosione della stella con i campi magnetici vicini.

Nel frattempo, gli scienziati della NASA non sono certi del fatto che il materiale espulso di fatto abbia la forma di una mano o se la sua interazione con le particelle di una nebulosa di vento faccia sì che si veda in questo modo.

I ricercatori sperano che la “mano di Dio” aiuti a fornire molti altri dettagli sul fenomeno dei buchi neri e sul modo in cui “crescono e interagiscono le galassie”.

Tags:
scienza

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni