Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

I tre messaggi del papa con la creazione dei nuovi cardinali

©ALESSIA GIULIANI/CPP

<span class="standardtextnolink">December 4, 2013 : Pope Francis leads the weekly general audience in St. Peter&#039;s square at the Vatican.</span>

Jesús Colina - Aleteia Team - pubblicato il 15/01/14

La Chiesa non è la vecchia Europa, nella Chiesa non ci sono onorificenze e il Sinodo dei vescovi va preso sul serio

L'annuncio dei nomi dei primi cardinali scelti da papa Francesco suscitava aspettative, perché mostra la sua visione della Chiesa, soprattutto in questo momento di riforma della Curia Romana.

La lista dei 19 futuri porporati, provenienti da 12 Paesi, permette di trarre conclusioni piuttosto evidenti sulle intenzioni del vescovo di Roma.

La Chiesa non è la vecchia Europa

Tra i nuovi cardinali, mancano nomi di Paesi che per secoli hanno monopolizzato le berrette cardinalizie: Spagna, Francia, Belgio o Stati Uniti. Si possono vedere invece vescovi che guidano diocesi sconosciute, come quella di Cotabato, nell'isola delle Filippine di Mindanao, o quella di Les Cayes a Haiti. Nessuno aveva previsto né poteva prevedere queste nomine.

Nominando i presuli di queste due sedi, così come arcivescovi di Paesi come il Burkina Faso, la Costa d'Avorio o il Nicaragua anziché elevare arcivescovi di storiche città europee, il papa sta lanciando un messaggio chiaro e forte: la Chiesa non è la vecchia Europa, non è un'istituzione ancorata al passato. La Chiesa è universale ed è vicina ai poveri, agli ultimi, a tutte le periferie del pianeta.

Nella Chiesa non ci sono onorificenze

La stessa constatazione offre un secondo messaggio molto chiaro di questo pontefice: nella Chiesa non ci sono diocesi di serie A e diocesi di serie B. Essere cardinale non vuol dire godere di privilegi o fare carriera.

Nel caso in cui non fosse stato abbastanza chiaro, il papa ha inviato una lettera molto diretta ai cardinali nominati di recente: “Il cardinalato non significa una promozione, né un onore, né una decorazione; semplicemente è un servizio che esige di ampliare lo sguardo e allargare il cuore”.

“Perciò ti chiedo, per favore, di ricevere questa designazione con un cuore semplice e umile. E, sebbene tu debba farlo con gaudio e con gioia, fa’ in modo che questo sentimento sia lontano da qualsiasi espressione di mondanità, da qualsiasi festeggiamento estraneo allo spirito evangelico di austerità, sobrietà e povertà”, aggiunge il papa.

Il Sinodo va preso sul serio

C'è poi una nomina significativa. Il papa ha nominato cardinale l'arcivescovo Lorenzo Baldisseri, che ha nominato di recente segretario generale del Sinodo dei vescovi. C'erano altre cariche tradizionalmente cardinalizie nella Curia Romana di cui il papa non ha voluto tenere conto, e tuttavia ha nominato questo arcivescovo, che svolge un incarico che negli ultimi anni non era stato cardinalizio.

Dando un ruolo forte al nuovo coordinatore del Sinodo dei vescovi, il papa sta manifestando la grande importanza che pensa di dare a questa istituzione nel suo pontificato. Le riunioni sulla riforma della Curia Romana realizzate dalla commissione di 8 cardinali nominata da Francesco sono iniziate proprio dalla riforma e dal potenziamento del Sinodo dei vescovi.

In questa istituzione Francesco vede l'ambiente naturale per promuovere la collegialità, la collaborazione tra i vescovi del mondo e il papa, tra le diocesi e la Santa Sede. Il messaggio è chiaro. Il prossimo Sinodo sulla famiglia, che si celebrerà a ottobre in Vaticano, ne sarà la prova.

Il papa ha lanciato altri messaggi con gli arcivescovi scelti? Dicci la tua qui sotto, nello spazio dedicato ai commenti.

Tags:
cardinalipapa francescosinodo dei vescovi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni