Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconChiesa
line break icon

Perché ci piace così tanto parlare di sesso?

© DR

don Fabio Bartoli - La Fontana del Villaggio - pubblicato il 14/01/14

Non so se sia vero l’aneddoto che racconta che la posizione cosiddetta “del missionario” si chiama così perché sono stati i missionari cristiani ad insegnarla alle tribù indigene che evangelizzavano, ma se fosse vero mi sembrerebbe una cosa bellissima. Infatti credo che se una coppia non ha mai fatto l’amore guardandosi negli occhi, insegnargli a farlo sia un oggettivo e grande passo avanti nella loro promozione umana.

Spero che non siamo arrivati al punto di doverci mettere ad insegnare ai nostri ragazzi anche le giuste posizioni nell’accoppiamento, ma non ci scommetterei, vista la dilagante disumanità. Comunque certamente dobbiamo ricominciare ad insegnare tenerezza e buon senso molto prima di poter anche soltanto parlare di castità prematrimoniale, o meglio non possiamo parlare di castità senza parlare anche di tenerezza e buon senso.

A parte tutto questo, dicevo, appare sempre più evidente che il tentativo di restituire al sesso una dignità morale non è l’obbiettivo primario della battaglia culturale che stiamo combattendo, la posta in gioco in realtà è molto più alta. La reale posta in gioco è la definizione di uomo. Quale idea di uomo abbiamo in mente? Per che cosa ci battiamo? Per cosa sacrifichiamo tempo energie e risorse?

I nostri padri hanno lottato per la libertà di esprimere la propria opinione, di lavorare con un salario dignitoso, di educare i propri figli, per ideali concreti e nobili al tempo stesso. Oggi tutto questo è diventato la libertà di scopare come e quando vogliamo (chiedo scusa per il francesismo, ma quanno ce vo’ ce vo’), di drogarci, di vendere, comprare e buttar via bambini come se fossero pezzi di ricambio.

Non vi viene almeno il sospetto che qualcosa è successo nel frattempo? Che la libertà di cui parlavamo cent’anni fa non è la stessa di cui parliamo oggi?

E se la libertà non è più la stessa non sarà perché l’uomo è cambiato?

O forse l’uomo non c’è più. Annegato, distrutto dal consumo, trasformato in un sensore, sensibilizzato ad ogni più piccolo mutamento dell’umore, condannato a seguire i suoi stimoli primari come un cane di Pavlov. Siamo già saturi di stimoli fino all’overdose e ne vorreste ancora di più?

Ma non vi accorgete che il mercato (e la politica che ne è la serva obbediente) usa la stessa logica dello spacciatore di eroina che crea apposta la dipendenza per legarti a sé?

Tutte le culture di tutti i tempi hanno sempre saputo che la mollezza, l’indulgere nella ricerca ossessiva del piacere, è un segno di decadenza, ma almeno fino adesso questa disgrazia è stata riservata alle elites di governo, oggi ci troviamo di fronte al paradosso di un elitarismo svenduto sul mercato, di una trasgressione un tanto al chilo, che ovviamente di trasgressivo non ha più niente, se non lo slogan pubblicitario (che suona peraltro sempre più frusto, sempre più vuoto). Aveva ragione Pasolini, il sesso ormai è il migliore strumento del mercato. Il suo uso immorale ha prodotto una generazione di consumatori obbedienti, privi di senso critico.

Eppure forse non è ancora troppo tardi, vedo all’orizzonte segnali di risveglio, non solo e non soltanto nel milione di coraggiosi che la Manif pour tous ha portato in piazza in Francia. Non solo
nella testimonianza delle Sentinelle in piedi, ma in tanti ragazzi che conosco che riscoprono il valore della castità, nello sguardo grato e stupito che vedo negli occhi di molte coppie di fidanzati quando li invito ad astenersi fino al matrimonio.

Nonostante tutto io credo che nulla possa strappare dal cuore umano l’aspirazione alla bellezza e il disgusto della volgarità. Ciò che dobbiamo fare allora è restituire bellezza al sesso per restituire dignità all’amore e credo che la guerra non sia ancora persa. Perderemo forse alcune battaglie, ad esempio sono quasi certo che la legge Scalfarotto sarà approvata, ma già vedo iniziare la rivoluzione della castità, credo infatti che la generazione veramente perduta sia la mia, quella che oggi ha 50 anni e che purtroppo è al potere, quelli che vengono dietro hanno mediamente un pizzico di buon senso e di buon gusto in più. Sarà che sono saturi, ma mi sembra che si stiano risvegliando da questa sbornia colossale che abbiamo patito. Hanno però bisogno di una direzione, di qualcuno che indichi la via ed allora prendo coraggio e se a trent’anni non avevo il coraggio di dirlo oggi lo grido forte: l’insegnamento della Chiesa sul sesso è il più umano che ci sia. Non è questione di fede, se ce la fate restate pure atei (non so come fate, ma è un problema vostro), ma vi prego nell’intimità siate uomini e donne che si amano, cioè persone, e non delegate al vostro apparato riproduttivo la volontà e il pensiero.

Quindi caro amico, per rispondere alla domanda che mi hai fatto e che ha provocato questo articolo: a me non piace affatto parlare di sesso. Preferirei parlare di unione mistica con Dio, di spiritualità, della Parola di Dio, di tante altre cose che potrei insegnarti anche sul matrimonio e sul tuo amore per la tua fidanzata, ma non posso farlo, così come non posso tenere una lezione sulla metafisica di Talete, che vedeva nell’acqua il principio primo, ad un uomo che sta annegando.

Qui l’articolo originale

  • 1
  • 2
Tags:
sessualità

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni