Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

Perché ci piace così tanto parlare di sesso?

© DR

don Fabio Bartoli - La Fontana del Villaggio - pubblicato il 14/01/14

Un sacerdote parla del perché la Chiesa si occupi di etica sessuale e fornisce delle risposte sorprendenti

La scorsa settimana uno dei ragazzi che preparo al matrimonio mi ha posto, un po’ infastidito questa domanda: “perché la Chiesa parla sempre di sesso?”

La domanda sembra legittima: non è forse il sesso la cosa più privata ed intima che ci sia? E allora perché dovrei aver bisogno di un prete che venga a spiegarmi come devo comportarmi sotto le lenzuola? A parte il fatto che se fai sesso con un’altro e non con la tua mano destra già non è più una questione privata, perché riguarda almeno due persone, tanto è che c’è una schiera di maestri in fila per spiegarti come comportarti sotto le lenzuola: psicologi, filosofi, medici, sessuologi, pornostar… perfino i giornalisti… insomma tutti, ma proprio tutti, sembrano autorizzati ad insegnare alla gente come far l’amore tranne noi, ma, a parte questo, è proprio l’assunto di base che è sbagliato: non c’è niente di meno privato del sesso in realtà!

Nell’articolo che citavo Sabato Pasolini faceva un’affermazione sorprendente, ma vera se la si comprende nella maniera giusta: il sesso è politica. Pasolini ha ragione se si dà al sesso una nozione appena un po’ più larga del puro e semplice unirsi delle carni. Hadjadi nel suo brillantissimo “Mistica della carne” forza un po’ la logica del discorso, ma non di molto, quando dice che il rapporto sessuale comincia con il corteggiamento e finisce quando il figlio va all’università.

La provocazione del simpatico e bravo filosofo franco-armeno ha il merito di porre il sesso nella sua giusta cornice: non è cioè semplicemente un incontro di carni, ma un incontro di persone. Se riduciamo il sesso al coito allora ci condanniamo a non capirne nulla, a dover talmente mortificare la realtà dell’incontro umano che, dopo averla dissezionata, non saremo più capaci di rimetterla insieme.

Allora certo che il sesso diventa politica, perché riguarda il complesso di tutto l’agire umano e se è politica allora a fortiori riguarda la morale ed è quindi un argomento su cui anche noi preti possiamo e dobbiamo intervenire. Del resto non c’è religione al mondo che non abbia sviluppato una sua etica sessuale, cioè un codice di comportamento tra le lenzuola.

Quando un uomo e una donna si aprono l’un l’altro offrendosi la propria intimità e la propria profondità la posta in gioco è troppo alta per non immaginare dei meccanismi di tutela della parte più debole, che non è necessariamente la donna. Il puro e semplice arbitrio sessuale, il fare ciò che si vuole, non solo non è umano, ma non è nemmeno naturale. Solo gli uomini nella loro barbarie peggiore possono immaginare un sesso senza regole, in natura le cose non vanno affatto così, osservate i complicati riti di corteggiamento a cui tutte le specie si sottopongono se volete capire. Il cosiddetto sesso selvaggio di selvaggio non ha proprio nulla ed è lontanissimo dal mondo degli animali, quando Eugenio Finardi (che peraltro è una bravissima persona e un papà innamorato), dice che vuole far l’amore come un animale evidentemente non ha mai visto nemmeno un documentario di Quark.

Senza il controllo esercitato dalla morale il sesso diventa inevitabilmente un esercizio di sopraffazione e potere e l’amore si rovescia nel suo contrario, cioè nel soddisfacimento del desiderio. Non per nulla la metafora del mangiare è una delle più usate per descrivere l’atto sessuale, come se questo si potesse davvero compiere nel consumare il partner per soddisfare se stessi.

Per imparare un po’ di disciplina a letto tuttavia non c’è bisogno del prete, basterebbe amare sinceramente il proprio compagno/a e ascoltarlo con amore, basterebbero in effetti un po’ di buon senso e di affetto reciproco. Solo che al mercato queste merci non si trovano e di questi tempi anzi i fornitori alternativi alla Chiesa sono quasi tutti chiusi o in fallimento.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
sessualità
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni