Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Rabbino Skorka: con papa Francesco, anche sinagoghe più piene

Rabbino Skorka: con papa Francesco, anche sinagoghe più piene

@DR

Aleteia - pubblicato il 13/01/14

Il rappresentante dell'ebraismo argentino parla della sua amicizia con il pontefice e della rivoluzione di Bergoglio

Si frequentavano già a Buenos Aires e ormai papa Francesco considera il rabbino Abraham Skorka un “fratello e amico” tanto che è stato proprio lui uno dei primi destinatari delle sue ormai famose telefonate, a poche ore dall’elezione.

Nel parlare di come è nata la loro amicizia, in una intervista a “Credere” (12 gennaio) il rabbino racconta: “Nel 1999, in occasione della festa nazionale, ero stato invitato al Te Deum come rappresentante della comunità ebraica. Al termine della cerimonia, tutti dovevamo passare a salutare l’arcivescovo e ci fu raccomandato di essere brevi. Al mio turno, ho fatto un veloce commento alla sua omelia. Lui, guardandomi, ha fatto una battuta sul nostro tifo calcistico. Ho preso quella frase come una porta che si apriva”.

Di lì hanno dato vita a un confronto sul patrimonio sapienziale di ebraismo e cristianesimo, e sui grandi temi della vita umana. Le loro conversazioni di due anni e mezzo sono confluite in un programma televisivo di una trentina di puntate andato in onda contemporaneamente sia sul Canale 21, l’emittente dell’arcidiocesi di Buenos Aires, che sull’emittente ebraica locale Canale 10. Successivamente ne è nato un saggio tradotto in italiano dopo l’elezione del cardinale Bergoglio al soglio pontificio con il titolo Il cielo e la terra (Rizzoli, 2013).

http://lh3.ggpht.com/RuAs3LlELeGd4272B7owk7c1XMxMI4vKCyNjDRYGSWxQDUoIikWgGkxv3uScRlpw78D9wKn2Yi0NpO-qmAAGeXLgXhGE=s720

“Dopo una sconfitta del River – scrive Bergoglio nel libro – mi sono spinto a chiedergli se quella sera avrebbe cenato con cazuela de gallina”. Il River Plate è la squadra del cuore del rabbino (Bergoglio tifa il rivale San Lorenzo), Gallinas è il nomignolo con cui vengono presi in giro i suoi tifosi e la cazuela de gallina è un piatto tipico argentino.

Bergoglio ha voluto inoltre che fosse il rabbino Skorka a scrivere l’introduzione a El Jesuita (2010), il libro-conversazione con Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti, diventato poi un best-seller mondiale come prima biografia autorizzata del nuovo papa latinoamericano.

Riguardo alle tante novità introdotte dal papa, il rabbino Skorka ha affermato: “E’ quello che mi aspettavo ma mi aspetto ancora di più”. “Certo – ha aggiunto – il suo impatto sul mondo è stato superlativo; colpiscono le chiese e le piazze piene. Addirittura, dopo la sua elezione, anche le sinagoghe sono più frequentate dai nostri fedeli: Bergoglio sta mettendo in pratica che essere uomini di fede significa essere uomini di speranza”.

Secondo il rabbino, che è rettore del Collegio rabbinico latino-americano, il pontificato di Francesco sarà improntato a una relazione particolare con l’ebraismo ed ha ricordato quando, nel 2012, a cinquant’anni dall’inizio del concilio Vaticano II, Bergoglio decise di insignirlo del dottorato honoris causa all’Università cattolica argentina: era la prima volta in America Latina che il titolo veniva conferito a un rabbino. “Mi ha dato il diploma – ha detto a ‘Credere’ e fuori microfono mi ha detto: ‘Non sai da quanto stavo aspettando questo momento!’”.

Tags:
dialogo interreligiosoebreipapa francescorabbino abraham skorka
Top 10
See More