Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconStile di vita
line break icon

Enrico Brignano: nella vita e nella morte, sento la mano di Dio

@DR

Aleteia Team - pubblicato il 13/01/14

Parla così della spiritualità, l'attore impegnato in teatro con Rugantino

“Niente è più terrorizzante che cercare di far ridere” dice il clown John Malkovich a Mia Farrow in Ombre e nebbia di Woody Allen. Enrico Brignano ci riesce da oltre vent'anni con la sua comicità vera, genuina, sagace che parla alla quotidianità delle persone.

Fino al 9 febbraio è impegnato al Sistina di Roma con Rugantino, non solo rappresentazione simbolo della romanità ma anche spettacolo all'origine della sua vocazione di fare l'attore invece del tecnico in un'industria meccanica, dopo averlo visto una domenica pomeriggio del 1978 con Montesano e Fabrizi.

In una intervista alla rivista “A Sua Immagine” (11 gennaio) parla della fede e dice che “è la cosa più difficile del mondo da possedere” e che “non si può trasmettere, non la si insegna. Non è tangibile, si basa su sensazioni. E' un'energia che viene da dentro. Ci sono momenti in cui è forte, scaturisce potentemente e spinge a non perdersi d'animo, a credere appunto, non solo in Dio ma anche in se stessi, nella vita, in quello che può riservarci”.

Poi, però, ammette “ci sono le fasi 'calanti', in cui è più difficile trovare quella forza, in cui magari gli avvenimenti la mettono a dura prova. Quindi direi che il mio rapporto con la fede è discontinuo, ma c'è. La mano di Dio la percepisco ogni qual volta mi imbatto nella vita e nella morte: la sento quando guardo un neonato e l'ho sentita tanto quando è venuto a mancare mio padre”.

“La preghiera che mi piace di più – confessa – è quella dedicata all'angelo custode: mi ricorda l'infanzia, quel senso di protezione che mi dava quando, prima di andare a dormire, mi affidavo a questa entità e poi spegnevo la luce. E il buio, nella mia cameretta, pian piano cominciava a non farmi più tanta paura”.

Tags:
teatro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni