Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 07 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconChiesa
line break icon

Cosa rappresenta la «costola» con cui Dio ha plasmato la donna?

© DR

Novena.it - pubblicato il 10/01/14

La traduzione del termine è per tradizione quello di «costola», ma esprime più precisamente una parte posta simmetricamente rispetto a un’altra uguale. Pertanto si può parlare di «fianco», più che di «costola»

Ho una curiosità: quale traduzione è migliore per la «costola» di Adamo considerando la parola originale in ebraico? Il versetto della Genesi 2,22 viene tradotto così: «Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo». È possibile tradurre la parola s.ela‘ con: una parte; un lato; una metà?

Tonino

Risponde Giovanni Ibba, docente di ebraico

La parola s.ela‘ indubbiamente significa anche «fianco, lato, banda», ma anche «assi», «imposte», e poi ancora altri significati che si deducono dal contesto in cui si trova. La traduzione del termine nel versetto citato è per tradizione quello di «costola», ma esprime più precisamente una parte posta simmetricamente rispetto a un’altra uguale. Pertanto si può parlare di «fianco», più che di «costola».

Ma visto che, secondo quanto si legge, tale s.ela‘ doveva essere qualcosa che si trovava sotto la carne, dato che Dio ha dovuto praticare un’apertura (Gen 1,21), un po’ come avviene in un’operazione chirurgica (e addormenta Adamo prima dell’«intervento»), il significato del termine potrebbe declinarsi a quello di «costola». Nella mente dei traduttori, ma forse anche di chi ha raccontato in origine l’episodio, questa «parte» doveva pertanto essere la «costola». Il testo greco della Bibbia, la Settanta, traduce la parola s.ela‘ con pleurá, che significa sia «costola» sia «fianco», come avviene per l’ebraico.

Il riferimento alla costola, piuttosto che al fianco, non avrebbe comunque sotteso una supposta inferiorità della femmina rispetto al maschio. Questo è un problema che si è posto in epoca moderna. Per la nostra mentalità, tradurre con «parte» o «fianco» potrebbe ispirare maggiormente un’interpretazione dell’episodio più attenta all’uguaglianza dei generi, mentre «costola» invece si presterebbe a un’interpretazione che potrebbe essere usata da parte di chi prova avversione nei confronti delle donne.

Sia chiaro che nell’antico Israele, almeno da come risulta dalle fonti bibliche, non esiste alcuna dichiarazione d’inferiorità della donna rispetto all’uomo, cioè al «maschio» (si veda Gen 1,26-27), e che pertanto il versetto in questione non va forzato in tal senso.

Durante una conferenza, dopo che avevo parlato di un argomento che riguardava l’antropologia biblica e di come l’uomo fosse da intendere come «maschio e femmina», ricordo che un signore si alzò ricordandomi l’episodio della «costola di Adamo» e che la donna, visto che era stata formata da essa, doveva considerarsi sottomessa all’uomo. Ma un uso del versetto in tal senso non corrisponde al pensiero che emerge dal testo nel suo complesso.

Anche i rabbini dei primi secoli dell’era cristiana discussero su quale interpretazione dare all’episodio, e le riflessioni furono molte e talvolta opposte. Una tra le tante, era che Adamo fosse un «androgino» e che, dopo tale intervento di Dio, si fosse diversificato in maschio e femmina (Bereshit Rabba).

Tratto da Novena.it

Tags:
creazionereligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni