Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconStile di vita
line break icon

Amore impaziente, amore crudele

Ana Bierzanska

Stephen Herreid - Aleteia Team - pubblicato il 10/01/14

L'“amore duro” e l'opera di evangelizzazione

Se vediamo l'amore come nient'altro che stare attenti a non offendere, come possiamo sperare di correggere, di convincere, di esortare, di evangelizzare? Questa domanda mi porta al secondo video di YouTube che mi è rimasto impresso: un filmato del brillante dottor Ben Carson che parla al National Prayer Breakfast nel 2012. Con il Presidente Obama che sedeva nella sua posizione ormai nota (la testa inclinata all'indietro, guardando dall'alto il mondo intorno a lui) a pochi metri di distanza, Carson ha parlato contro il politically correct negli interventi pubblici. Se tutti vengono messi a tacere da una paura costante di offendere, ha sostenuto Carson, allora non ci sarà nessuno che parlerà coraggiosamente contro il male quando bisogna mettere in guardia contro di esso. Non è di parlare coraggiosamente che ci dovremmo preoccupare, ha affermato, ma della sensibilità che scoraggia l'audacia minacciando di essere “offesi” da questa. Mentre il Presidente si spostava sulla sedia, Carson è arrivato a condannare quella sensibilità come “pericolosa”, e a chiedere di sbarazzarsene. Se l'approccio di chi ha realizzato il primo video consisteva nel rendere onore alla sensibilità altrui, quello di Carson consiste nel chiedere di mettere da parte la propria sensibilità e di spingersi verso una vita più aperta alla verità. Una delle cose che preferisco tra quelle che ha detto il papa attuale è che la politica è “una delle più alte forme della carità perché cerca il bene comune”. Ben Carson è l'incarnazione di questa affermazione – un uomo inequivocabilmente amorevole, che si impegna nelle dispute politiche dal profondo del cuore. Affronta il male con coraggio – anche il male che si annida nel cuore del nostro Presidente – e lo condanna parlando schiettamente.

Oggi nella pubblica piazza la saggezza come quella del dottor Carson è spesso ignorata. Come cristiani, potremmo dire di non riuscire a mettere in riga le cose perché siamo “confusi” dal mondo “postcristiano” che vediamo intorno a noi. I realizzatori del video hanno presentato ere di tradizione sulla carità come confusionarie, caratterizzate da complicazioni e da scontri crudeli. Hanno presentato in modo caricaturale gli sforzi di riconciliare l'amore con la necessità di affrontare i peccati dei nostri vicini e dei nostri nemici. La confusione è nemica dell'amore, ma dovremmo affrontarla e dissiparla, non rifuggirla. La “confusione” copre in realtà una moltitudine di peccati – forse più peccati rispetto all'amore. Ma l'amore è un dono di Cristo Luce, e ci esorta ad assumerci la responsabilità della salute delle vite altrui così come della nostra, mentre la “confusione” è uno strumento di Satana, il nemico caotico, e ci esorta ad abbandonare le nostre responsabilità non solo come esseri umani che si trovano in qualsiasi evento “senza scusa”, ma come cristiani che sono chiamati alla carità. Andare avanti in un mondo in cui dilaga il male non farà sì che il cristianesimo possa avere più successo tra i non credenti. Come cristiani, cadere ben al di sotto dello standard a cui si attengono anche i pagani, e farlo in nome dell'amore, la nostra chiamata più alta e il dono più unico come figli di Dio, è un grande scandalo.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
amiciziaamoreevangelizzazione

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni