Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

Il mondo anglosassone riscopre la famiglia

© Ermolaev Alexander/SHUTTERSTO CK

Documentazione.info - pubblicato il 09/01/14

Studi differenti indicano che molto spesso la causa del disagio giovanile è l'assenza della figura paterna

di Raffaele Buscemi

All'estero si cominciano a fare i conti con i danni sociali provocati dalle famiglie che si disgregano col il divorzio. Qualche tempo fa la Svezia aveva aperto una riflessione sull'alto tasso di divorzi, grazie a uno studio in cui si è rilevato che negli ultimi 40 anni il crescere di forme alternative al matrimonio tradizionale non avesse affatto diminuito i disagi dovuti al divorzio. Così come è aumentato a dismisura il disagio psicologico dei cittadini causato dalle conseguenze dell'alto numero di separazioni.
Adesso tocca al Regno Unito dove una ricerca ha messo in correlazione i ragazzi che hanno partecipato alle sommosse di Tottenham a Londra, nel 2011, e le loro famiglie di provenienza.

Il risultato ha dimostrato che la maggior parte delle "famiglie problematiche" della Gran Bretagna, è composta da nuclei familiari in cui manca il padre. Poco cambia che si parli di orfani o di coppie divorziate in cui il genitore non può vedere spesso i figli. Si tratta di almeno 72.000 famiglie, in situazione di disagio economico o sociale, senza una figura paterna e senza alcun tipo di modello nel ruolo maschile. Il quotidiano britannico Telegraph ha fatto notare che questi numericonfermano quanto già emerso dal rapporto sugli arresti seguiti agli attacchi del 2011 nel quartiere di Tottenham, durante i quali centinaia di giovani avevano distrutto negozi e banche. Il report parlava di «mancanza del modello maschile» per la maggioranza degli arrestati. Quando ai ragazzi è stato chiesto a chi fanno riferimento nella vita, le risposte sono state «a un calciatore o a una star, mentre vent’anni fa rispondevano al padre o il nonno»

Oltre alla delinquenza dilagante, anche il costo sociale della mancanza di padri è enorme: gli aiuti alle famiglie in difficoltà pesano per 9 miliardi di sterline all’anno sulle tasche dei contribuenti. Per questo il primo ministro David Cameron ha sottolineato che il ruolo della famiglia è uno dei problemi più urgenti che la Gran Bretagna deve affrontare. Eric Pickles, ministro degli Enti locali,  ha affermato che «queste famiglie in difficoltà sono in totale caduta libera. L'assenza di una figura paterna positiva è un problema enorme: spesso i padri che sono presenti hanno gravi dipendenze da droghe e alcool e non hanno neanche un lavoro».

Anche negli Stati Uniti si sono fatte riflessioni simili mettendo però in relazione i ragazzi protagonisti di sparatorie nelle scuole con la loro condizione familiare. Un filo comune, e in gran parte inosservato, che lega insieme la maggior parte di loro è che vengono da famiglie segnate dal divorzio o da un padre assente. Se si controlla la "lista di attacchi nelle scuole degli Stati Uniti" di Wikipedia si può notare come spesso ci sia di mezzo un giovane i cui genitori sono divorziati o mai sposati. Secondo un interessante articolo di Mercator.net una nazione che cerca di dare un senso a queste sparatorie, apparentemente legate solo ai raptus di follia, deve anche affrontare la scomoda verità che le turbolenze all'interno delle famiglie diventano spesso i disagi e le turbolenze che finiscono sulle strade o nelle scuole.

Tornando in Gran Bretagna, già nel 2006 il rapporto “Breakdown Britain” di Duncan Smith, ministro del Lavoro inglese, consegnato al premier David Cameron, dimostrava che il 70 per cento dei giovani delinquenti proviene da famiglie monoparentali e metteva in luce con i numeri i nessi tra disagio familiare e abuso di alcol e droghe. Nell’analisi di Smith emerge che un’unione di fatto su due si rompe prima del quinto anno di età del primo figlio, mentre per le coppie sposate lo stesso accade in un caso su dodici. Tre quarti delle separazioni di coppie con figli riguardano unioni di fatto. Con effetti sui figli preoccupanti: la probabilità di fallire a scuola è del 75 per cento maggiore rispetto ai coetanei che vivono in famiglie unite, quella di diventare tossicodipendenti è maggiore del 70 cento.

Qui l'articolo originale

Tags:
disagio giovanilefamigliagran bretagnamatrimoniounioni di fattousa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni