Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconStile di vita
line break icon

L'ingegnosità dello Schindler spagnolo nel salvare gli ebrei

© DR

Enrique Chuvieco - Aleteia Team - pubblicato il 07/01/14

Ángel Sanz Briz, ambasciatore a Budapest nel 1944, elaborò un piano per salvare oltre 5.200 ebrei dallo sterminio nazista

“Nel corso della sua carriera, mio padre ci diceva sempre: quello che ho avuto il privilegio di fare a Budapest è la cosa più importante che abbia fatto nella mia vita”. Lo ha rivelato la figlia Adela parlando del padre, Ángel Sanz Briz, il diplomatico spagnolo che salvò dallo sterminio più di 5.200 ebrei quando nel 1944 era alla guida dell'ambasciata spagnola a Budapest, in Ungheria. La città era occupata dai nazisti, che vedendo avvicinarsi la propria fine volevano completare l'olocausto degli ebrei e di altre etnie con cui avevano sconvolto l'Europa.

Riconosciuto in seguito come “l'Angelo di Budapest”, questo Schindler spagnolo nacque a Saragozza il 28 settembre 1910 in una famiglia di militari e commercianti. Studiò Giurisprudenza ed entrò nella Scuola Diplomatica nel 1943. In precedenza, con l'inizio della Guerra Civile spagnola, si era arruolato volontario nell'esercito di Franco per finire dopo la fine del conflitto al Cairo, che fu la sua prima destinazione diplomatica. Nel 1942 lasciò la capitale egiziana per entrare nella legazione ungherese. Era sposato da poco e assistette al tramonto sanguinoso del nazismo, vedendo gli ebrei ungheresi che venivano deportati nei campi di sterminio per mettere in atto la Soluzione finale di Hitler. Tutto questo feriva l'umanità del cristiano Sanz Briz, che cercava di tamponare, pur se debolmente, quell'emorragia di esseri umani verso le camere a gas.

Il decreto di salvezza

All'inizio, insieme all'ambasciatore Miguel Ángel de Muguiro, consultò Madrid sulle azioni da mettere in atto, ma non ottenne risposta. In questo senso, c'era un precedente con il segretario dell'ambasciata a Berlino, Federico Olivar, che aveva chiesto sostegno al Ministero degli Esteri per aiutare gli ebrei.

De Muguiro riprese un vecchio decreto di Primo de Rivera del 1924 che permetteva di concedere la nazionalità spagnola ai discendenti dei sefarditi espulsi dalla Spagna dai Re Cattolici, e in base a questo si realizzò il trasferimento di oltre 500 bambini a Tangeri prima che venissero sterminati. I tedeschi non sapevano che questa legge era stata derogata dalla Seconda Repubblica nel 1931, ma espressero il proprio disappunto a Madrid per la manovra dell'ambasciatore spagnolo, che dovette abbandonare la legazione. Sanz Briz ne divenne il responsabile.

Insieme a Giorgio Perlasca, a cui Sanz Briz diede la cittadinanza e che “arruolò” per l'ambasciata, decise di perfezionare il progetto per continuare a salvare gli ebrei. In questo rientravano i contatti con i diplomatici di altri Paesi, come l'ambasciatore svedese Raoul Wallenberg, che si recò a Budapest per salvare gli ebrei (sembra che ne abbia salvati 40.000). Sanz Briz collaborò anche con il nunzio apostolico Angelo Rota, il console svizzero Carl Lutz e molti altri diplomatici che mantenevano una rete clandestina per salvare i perseguitati.

Briz inviò al governatore nazista Adolf Eichmann una sostanziosa donazione per salvaguardare la sicurezza fisica degli spagnoli da parte delle SS e ottenere visti per i sefarditi. I nazisti concessero 200 salvacondotti e Briz e la sua organizzazione li moltiplicarono arrivando a oltre 5.200.

Anni dopo, il diplomatico di Saragozza raccontò questa “strana” crescita dovuta alla trasformazione delle due centinaia di visti per singoli individui in altrettanti per famiglie, perché si scompose la numerazione di ogni documento in varie lettere dell'alfabeto, ampliando enormemente la quantità di persone beneficiate, per la maggior parte non discendenti di sefarditi. L'unico requisito era non superare quota 200.

Il diplomatico dovette affittare alloggi per proteggere, nutrire e assistere a livello sanitario coloro ai quali l'organizzazione forniva documenti. Rinchiusi per la maggior parte del tempo in luoghi protetti, i rifugiati aspettavano solo i mezzi di trasporto che li avrebbero portati in un Paese sicuro, e di tutto l'iter si incaricavano Briz, Perlasca e il resto della rete che avevano istituito.

  • 1
  • 2
Tags:
ebreinazismoolocaustotestimonianze di vita e di fedeungheria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni