Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconNews
line break icon

Gli effetti della legalizzazione della marijuana in Uruguay

© DR

Alver Metalli - Terre D'America - pubblicato il 07/01/14

Ad un mese dalla liberalizzazione, la torrida estate uruguayana odora di cannabis

Marihuana libera in libero stato. L’Uruguay ci è arrivato per primo, in Sudamerica e nel mondo, e già si vedono i solchi che il primato comincia a scavare nella vita quotidiana. Ad appena un mese dall’approvazione della legge che liberalizza produzione, commercio e consumo della celebre pianta le spiagge di Punta de l’Est, la Rimini uruguayana, già odorano di cannabis. Di giorno in giorno, con i turisti argentini e brasiliani che invadono come sempre la rinomata località turistica, aumentano anche le richieste nelle farmacie del posto per sapere “se si può già comprare”. E’ quasi inutile specificare cosa: la marihuana, proprio quella, nelle dosi consentite dalla legge approvata a maggioranza dal senato il 10 dicembre. La risposta dei farmacisti, per il momento, è un “no” condizionato. Condizionato dal fatto che in Uruguay da tempo chi fuma spinelli di cannabis non è perseguito dalla legge, dal fatto che non sono ancora trascorsi i 120 giorni che la norma prevede per la promulgazione ed entrata in vigore, e dal fatto che comunque la marihuana non sarà venduta a stranieri che non siano residenti nel paese e registrati negli elenchi degli aventi diritto alla produzione, smercio e consumo. Due “fatti”, almeno gli ultimi, che tutti sanno che sono destinati a cadere “nei fatti” con il semplice trascorrere del tempo.

Insomma locali e turisti dovranno aspettare sino agli inizi di aprile per poter comperare i previsti 40 grammi di marihuana al mese o coltivarne fino a sei piante per famiglia, pari ad un massimo di 480 grammi di raccolto annuale. Ma la curiosità tra i turisti della prima estate con la marihuana libera è molta e le risposte del personale medico e di polizia sono ancora generiche per mancanza di direttive specifiche dall’alto.

Intanto le opinioni degli uruguayani – 66% contro la liberalizzazione, 24 a favore, 10% gli indecisi nell’ultimo sondaggio previo all’approvazione- si mescolano alle prime lamentele di chi, sulle terrazze degli hotel, sulla sabbia della spiaggia Mansa e di quella Brava, sulla porta di bar e shopping, protesta per l’odore inconfondibile della marihuana che si spande nell’aria.
Anche i futuri produttori si preparano a quello che ha tutto l’aspetto di un nuovo business, come l’esportazione dei rinomati manzi delle praterie argentine. Il primo passo, l’associarsi, è appena stato fatto. E’ nata la Federación Nacional de Cannabicultores del Uruguay, che ha eletto le proprie autorità per le future rivendicazioni di maggiori libertà. Le prospettive sono rosee, se è vero, come rivela El Observador di Montevideo che degli imprenditori canadesi hanno già preso contatto con organizzazioni sociali e uomini politici uruguayani per comperare quantitativi di cannabis tanto per uso medicinale come per usi di ricerca e laboratorio. La stessa Junta Nacional de Drogas, l’organismo creato per vigilare e regolamentare la nuova materia, ha ricevuto richieste da Israele e Cile per acquisti di quantitativi esportabili di marihuana.

Fonte Terre d'America

Tags:
legalizzazione marihuanamarijuanauruguay
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni