Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconNews
line break icon

Il coraggioso nuovo mondo della cultura di Internet

Gwendal Ugden

Eric McLuhan - Aleteia Team - pubblicato il 03/01/14

7. La definizione “Pubblico di massa” è stata coniata per indicare folle di trasmissione. È la pura velocità a fare la massa, non i numeri. Alla velocità elettronica non ci sono avanti e indietro: l’utente si limita a manifestare, avendo lasciato il corpo dietro di sé. Potrebbe esserci l’altra parte del mondo o l’altra parte della città, o entrambe: è lo stesso. Si agisce in più di un posto alla volta. Il cyberspazio presagito. Si può essere �
�in onda” in migliaia o milioni di posti simultaneamente. Le leggi fisiche non si applicano più una volta che si lascia il corpo fisico: non c’è nulla su cui basarle. Si diventa informazione, un’immagine ambientale.

Non molto tempo fa, il mondo collegato in rete ha soppiantato il mondo trasmesso. Ciò vuol dire che il mondo collegato in rete ha ora assunto, tra gli altri servizi, il mondo dei media di trasmissione come contenuto. Ogni aspetto del nostro mondo collegato in rete è globale; non esiste più l’elemento locale. In rete significa automaticamente globale. L’utente si immerge nell’ambiente informativo globale, ricostituito in data e immagini. E il teatro globale non sopporta spettatori; sono permessi solo gli attori.

Chiunque vada online diventa un nodo de facto della rete mondiale. Non è una forma non familiare: la nostra rete mondiale ha il proprio centro ovunque e il suo confine da nessuna parte. (Un’altra parodia: richiama la nozione medievale di Dio che è ovunque, e che non è circoscritto da nessuna parte). La rete mondiale presenta uno stato di completa uguaglianza, un’uguaglianza di tanti “nessuno”. Non c’è padrone; nessuno comanda; non c’è alcun capufficio. E ogni utente può dire “Sono ogni uomo”, “Sono una folla”.

Internet è totale, globale e nomade. Eravamo abituati a pensare allo spazio esterno come a qualcosa di esotico, una frontiera finale. È una cosa per bambini. Quanto è più esotico vivere e lavorare fuori dallo spazio e dal tempo. Come la Chiesa, il cyberspazio è molto più grande all’interno di quanto non lo sia all’esterno.

La semplice onnipresenza di ciascuno sulla rete mondiale ha delle conseguenze curiose. All’improvviso ogni cultura sulla Terra si trova presente in ogni Paese: ogni cultura diventa multinazionale. E per le stesse ragioni si applica anche il contrario: ogni Nazione diventa istantaneamente multiculturale, malgrado qualsiasi sforzo contrario. Non tutti rispondono favorevolmente al fatto di essere invasi da culture e abitudini straniere. I terroristi islamici la considerano chiaramente una forma di inquinamento tossico della loro cultura e del loro spirito. Ovviamente, il terrorismo è una preoccupazione generale. Come è ben noto, la violenza è sempre un fattore presente nello stabilire, sostenere, o recuperare un’identità (cfr. ad esempio “War and Peace in the Global Village”, di Marshall McLuhan e Quentin Fiore, Gingko Press.)

8. L’ultima caratteristica riguarda l’impatto sulle identità. La Chiesa insegna che ciascuno di noi è dotato di un’anima individuale fin dal concepimento, e allo stesso tempo di una coscienza individuale. L’individuo privato con un sé privato ha anche una responsabilità privata per le proprie azioni ed è alla ricerca della salvezza privata. L’alfabeto ha letteralmente spianato la strada a tali questioni. Questi sono i tempi del Nuovo Testamento; il Vecchio Testamento ad esempio, ha dichiarato gli ebrei un popolo eletto – salvezza di gruppo.

San Tommaso ci dà la formula per l’individuazione: osserva spesso che il principio di individuazione è materia, avendo bisogno di un corpo materiale. Separare la mente o anima dal corpo è imitare la morte. (È generalmente accettato che qualsiasi separazione dei due elementi, della mente e del corpo, porta alla morte).

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
internettecnologia

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni