Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconArte e Viaggi
line break icon

La forza delle donne nel cinema

Aleteia

cine y mujeres

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia Team - pubblicato il 02/01/14

Intervista a padre Lloyd Baugh, esperto di teologia e cinema

Aleteia ha intervistato padre Lloyd Baugh, esperto di teologia e della settima arte, su un ciclo di conferenze sulla “forza delle donne nel cinema” organizzato dalla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana (PUG) di Roma e che terminerà il 15 gennaio prossimo.

Per padre Baugh, decano della Facoltà, la riflessione teologica sulle opere cinematografiche è una specializzazione accademica che dura 28 anni, alimentata da un gran numero di libri, articoli, seminari e conferenze a livello internazionale.

Come sta cambiando il ruolo rappresentato dalla donna nel cinema contemporaneo?

Lloyd Baugh: Il cinema è spesso a favore o contro i cambiamenti sociali. Parlando specificatamente del ruolo della donna, dal mio punto di vista nel cinema popolare esiste una tendenza a non accettare lo sviluppo dinamico che si sta verificando in tutte le società, siano esse in Africa, Asia, Europa o nelle Americhe.

Il cinema popolare in genere non mette molto in discussione lo statu quo. Il ruolo della donna nel cinema d’azione, ad esempio, non è molto rivoluzionario. Non riflette le innumerevoli possibilità che esistono per scoprire la donna di oggi.

Il cinema d’arte, invece, discute il ruolo tradizionale della donna.

Il cinema d’arte è creativo perché cerca di riflettere nuove realtà, cerca di porre domande prima di dare semplici risposte. La mia posizione personale è a favore del cinema d’autore (d’arte), che cerca di approfondire gli argomenti, i temi, le situazioni reali, per cui esplora i vari ruoli che la donna deve rappresentare nella società. Rappresentare attraverso il cinema una donna forte è assumere la realtà del mondo contemporaneo.

Il cinema ha il potere di aiutare a cambiare l’immagine di una donna sottomessa e poco attiva nei cambiamenti sociali del mondo?

Lloyd Baugh: Io parlerei di due tipi di cinema: il cinema commerciale e quello d’autore (d’arte). Il cinema commerciale spesso riflette una realtà conservatrice ed è realizzato per guadagnare soldi con la produzione di pellicole sentimentali, d’azione, umoristiche.

In base alla mia esperienza, si tratta di un tipo di cinema che non contraddice l’immagine classica della donna. Non spezza lo statu quo. La donna è manipolata dall’uomo, per le circostanze per cui deve stare a casa o almeno al servizio dell’uomo protagonista della pellicola. Una donna subordinata all’uomo, limitata. “La donna deve stare al suo posto”.

Il cinema d’arte è più audace perché dà più spazio alla donna, alla donna com’è di fatto e come può essere nel cinema. Fa vedere immagini di donne che mostrano altri livelli della realtà nella società contemporanea. Non limita la donna, piuttosto la libera, perché sia la persona che deve essere. Non è più una donna appendice dell’uomo al servizio di questi, ma una donna, un essere umano forte.

Hollywood sta riscoprendo le storie della Bibbia. L’anno prossimo usciranno film come “Noè”, diretto da Darren Aronofsky e interpretato da Russell Crowe ed Emma Watson. Che opinione ha di questo tipo di cinema?

Lloyd Baugh: L’esperienza pratica del cinema biblico non suscita in me grandi speranze, e non solo per il ruolo della donna in questi film, ma per la qualità che dovrebbe avere. Abbiamo tanti esempi relativi a episodi biblici, a figure bibliche. E in genere queste pellicole restano al livello di film d’azione con un semplice riferimento all’autentico testo biblico.

Non ripongo quindi grandi speranze in questo tipo di cinema. Probabilmente, se la produzione è fatta bene, venderà, ma credo che non abbia un grande impatto teologico o sociologico. Non penso che queste opere daranno nuovi ruoli alle donne bibliche. Non credo che rappresenteranno le donne della Bibbia per come sono in realtà, per come sono state davvero.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
cinemadonnamaria maddalenapontificia università gregoriana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni