Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
Santi Arcangeli
Approfondimenti

La ripresa nel 2014 arriva solo se si riduce la disoccupazione

© DR

Gelsomino Del Guercio | Aleteia Team | Tue Dec 31 2013

Gli imprenditori cristiani chiedono più tagli alla spesa pubblica e sostegni alle imprese. Intanto l'Istat certifica un'occupazione ai minimi e una povertà al top. Indigenti raddoppiati dal 2005 ad oggi


Il 2014 dovrebbe essere l’anno della ripresa per l’Italia. Il governo punta a una crescita dell’1% ma secondo la maggior parte degli economisti il Prodotto interno lordo non crescerà più dello 0,7% e il timore è che a questo non corrisponda una ripresa dell’occupazione. Il 2013 è stato un nuovo anno orribile. Il Pil è calato dell’1,8%, la disoccupazione ha raggiunto il 12,5%. Il governo per il 2014 ha previsto la decontribuzione per chi assume un giovane, il taglio del cuneo fiscale e incentivi alla ripresa.

Ma le aziende chiedono che si intervenga con maggiore decisione sulla spesa pubblica. Manlio D’Agostino, vicepresidente dell’Unione Imprenditori e Dirigenti Cristiani spiega a Radio Vaticana: “Noi abbiamo un tesoro che dobbiamo riuscire a valorizzare, che è la piccola e media impresa. Purtroppo, molto spesso si è parlato di privilegi, di casta, di politica e non si è fatto caso al fatto che la riduzione della spesa pubblica non è un togliere a qualcuno, ma un riequilibrare un sistema che in questo momento penalizza chi produce e chi ha una funzione sociale essenziale e importantissima". (Radio Vaticana, 31 dicembre)

A proposito di funzione sociale, la categoria dei giovani è quella che soffre di più secondo il rapporto sulla coesione Istat. I senza lavoro sono ormai il 35%, ben il 14% in più rispetto all’inizio di questa lunga crisi nel 2008. I disoccupati abbondano anche tra gli stranieri in Italia, ben il 14% anche questo dato è in crescita rispetto all’immediato passato. Stranamente gli inoccupati stranieri sono di più al nord e sono più donne. (Italia Oggi, 30 dicembre).

Nel 2012 636mila disoccupati in più rispetto all’anno precedente, i posti fissi sono scesi dell’ 1,3% nel 2013. Infine i pensionati: la metà di essi vive con meno di 1000 euro al mese, solo il 15,1% ha una pensione superiore a 2000 euro.

Un altro dato correlato a quelli precedenti e che deve far riflettere è l’andamento dei salari. Secondo l’istituto di statistica la retribuzione mensile netta media degli italiani è pari a 1304 euro, che scendono a 964 per gli stranieri che perdono 18 euro nel confronto col 2011 mentre noi ne acquistiamo ben 4. Gli uomini guadagnano in media circa 300 euro al mese di più delle mogli e tale divario cresce se i protagonisti sono stranieri. (Il Sussidiario.net, 30 dicembre)

I problemi dell’occupazione si riversano sui dati relativi alla povertà delle famiglie. In quanto alla riduzione del benessere, nel 2012 sono venute a trovarsi in stato di povertà relativa il 12,7% delle famiglie residenti in Italia, con un aumento rispetto al 2011 dell’1,6%. Sono i valori più elevati dal 1997, primo anno in cui si iniziò a fare questo calcolo. La povertà assoluta colpisce invece il 6,8% dei nuclei familiari e l’8% degli individui. Prendendo come riferimento il 2005 gli indigenti assoluti sono raddoppiati. In particolare nelle regioni del Nord sono quasi triplicati, passando dal 2,5% al 6,4%.

E anche per il cenone di Capodanno, sostiene un’analisi della Coldiretti, gli italiani spenderanno molto in meno rispetto agli altri anni: in media 66 euro. Il 68% lo passerà a casa, divisi tra chi preferisce organizzare nella propria abitazione (28%) e chi è stato invitato da amici o parenti (40%). (Avvenire, 30 dicembre)
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
crisi economicalavoro
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni