Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconNews
line break icon

Le stragi di Volgograd mirano a destabilizzare Putin

© DR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Team - pubblicato il 30/12/13

In atto un'offensiva degli estremisti islamici contro il presidente russo. Che con le Olimpiadi invernali vuol rilanciare l'immagine internazionale del Paese. Sempre meno amato dall'Occidente per le politiche "radicali" del suo numero uno

Almeno 26 morti in 24 ore: è il bilancio provvisorio di due esplosioni, giudicate "atti di terrorismo" avvenute nell'arco di 24 ore a Volgograd, a meno di sei settimane dall'appuntamento con le Olimpiadi invernali di Sochi che si terranno dal 7 al 23 febbraio.

Stamane alle 8.10, nell'ora di punta, un'esplosione ha ucciso 10 persone e ne ha ferite 15, distruggendo il tram dove viaggiavano. Ieri un attentatore suicida ha ucciso almeno 16 persone facendosi saltare all'una del pomeriggio nella stazione ferroviaria della città. L'esplosione è avvenuta davanti al metal detector, lontano dalla massa dei passeggeri in attesa, ma ha comunque provocato anche 35 feriti. (Asia News, 30 dicembre)

Il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto che siano prese tutte le misure necessarie a garantire la sicurezza e un portavoce della polizia ha annunciato che la vigilanza su aeroporti e stazioni verrà rafforzata a seguito degli attentati che si stanno susseguendo. Venerdì 27 dicembre, infatti, un’autobomba in un’altra località del sud del Paese aveva provocato tre vittime.

Ad ottobre invece la stessa Volgograd – vicina all’instabile regione del Caucaso – era stata colpita da un altro attentato: anche in quell’occasione una donna si era fatta esplodere, a bordo di un autobus, uccidendo 7 persone. A luglio un leader ribelle del Caucaso, il ceceno Doku Umarov, aveva invitato i militanti a usare la “massima forza” contro le autorità, soprattutto in vista dei giochi olimpici invernali, che la Russia ospiterà in febbraio a Sochi. (Radio Vaticana, 29 dicembre)

Si teme che la nuova ondata di attentati siano stati orditi proprio da Umarov, 'signore della guerra' che lotta per la secessione dalla Russia. Volgograd è una città di circa un milione di abitanti, dista circa 690 km da Sochi e si trova a due passi dal Caucaso settentrionale, in cui tutte le province musulmane sono coinvolte dall'insurrezione islamista.

Gli attacchi sono considerati un colpo alla strategia di Putin, che punta al rilancio internazionale del Paese con le Olimpiadi invernali di Sochi. Sembra questa la scelta dei terroristi islamici, che sono tornati a colpire nel territorio della Federazione. (Repubblica.it, 30 dicembre)

Con le esplosioni si prova a destabilizzare il potere centrale di Mosca che negli ultimi mesi è stato già nel mirino dell'opinione pubblica occidentale per alcune scelte considerate "radicali". Come l'approvazione della legge che vieta la propaganda omosessuale davanti ai minori, con una norma che prevede multe anche molto pesanti, fino a 23mila euro. Una norma che si è aggiunta alla linea dura sul "no" alle adozioni con i Paesi che riconoscono i matrimoni per le coppie omosessuali. «Trattiamo i nostri vicini con rispetto – disse Putin – ma chiediamo che questi rispettino le nostre tradizioni culturali, etiche, legislative e morali». (Avvenire, 26 aprile)   

Tags:
occidenterussiaterrorismovladimir putin
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni