Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconArte e Viaggi
line break icon

Ecco la Luce che illumina il mondo

@DR

suor Maria Gloria Riva - La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 25/12/13

Nel dipinto "Il neonato" Georges de La Tour racconta la tensione di un mondo che ha perso il suo contatto col divino

Quest’anno sociale ci lascia con le luci e le ombre di grandi eventi. Un Papa che prima di annunciare al mondo sbigottito che ci avrebbe lasciato per fare spazio ad un altro successore di Pietro lancia il grido della fede. Papa Francesco che, solcando le orme di papa Benedetto, chiede a tutti una fede più matura a una presenza nel mondo più responsabile. 

Il grido della fede ha percorso i secoli della Chiesa in svariati momenti della storia. Anche quello cui allude Georges de La Tour, pittore francese, luminista e caravaggista del XVII secolo, in questa sua opera dal suggestivo titolo di Neonato.

Per Georges de La Tour, il buio della casa in cui è apparso il Salvator Mundi, il Neonato più famoso della storia, è impenetrabile. Non si vede nulla oltre a Maria: Giuseppe non c’è, non sappiamo neppure se si tratta della grotta in cui c’erano asino e bue oppure della casa raggiunta dai Magi, dopo il loro lungo peregrinare. Questo luogo è solo pieno della notte. Accade qui, proprio come in certi momenti della nostra vita, in cui si fatica a vedere il futuro. L’artista ci fa entrare al cospetto della Vergine dietro una donna. È una donna distinta eppure popolana, chissà forse è la levatrice, oppure la padrona di casa, certo è che ci fa strada e che la sua candela illumina di colpo il luogo dove dorme quel misterioso Bambino. Entriamo dietro il tremolio della candela eppure non possiamo vedere quella fiamma. Nulla deve ostacolare la visione di questo Bambino. La candela è simile alla luce della fede che illumina i panorami oscuri della storia: la fede non si vede, non la si può vedere, ne vediamo solo gli effetti.

Che cosa ha voluto dire La tour con un dipinto così, che volle intitolare: il Neonato? Il nuovo nato, il nato adesso, nato or ora da una ragazza che pare una principessa. George de la Tour, in quello sfondo nero sembra voler raccontare tutta la tensione di un mondo che ha perso il suo contatto col divino. La levatrice si fa largo nell’oscurità della storia con il lume della sua candela e dirige il nostro sguardo, ma con la mano e il corpo ci fa da schermo al suo lume. Nulla deve disturbare la vista straordinaria di questa donna che regge fra le braccia il suo nato.

Neonato, G. de la Tour, particolare

Maria è lì nella tranquillità più assoluta, tiene in braccio il Figlio suo in una posa che inquieta. Gesù sembra dormire il sonno della morte. Le fasce lo stringono così vistosamente da farci ricordare altre fasce che lo stringeranno un giorno. La Madre, invece è scultorea, protettiva, veste il rosso sangue. Veste già quella passione che investirà il figlio suo, portandolo alla morte. Ci accorgiamo ora che la Vergine è un po’ mesta, non è la giovane madre radiosa che si rallegra della creatura appena data alla luce, è come già presaga del destino del Figlio.

Eppure quel Bimbo è la sua pace. Egli è la nostra pace. La luce del dipinto, infatti, non viene per nulla dalla tremula fiamma della candela che ci ha introdotto qui. La luce del dipinto viene da lui. Nell’oscurità della storia splende da secoli un sudario, dove la Chiesa, come la Vergine, direbbe Sant’Agostino, vive tra le persecuzioni del mondo e le consolazioni di Dio. 

Neonato, G. de la Tour, particolare

Il divino Infante di George de La Tour ha il corpo completamente avvolto nelle fasce, dalle quali emerge solo il volto, visibile e luminoso. Se l’oscurità che circonda il dipinto narra del non ancora della storia umana, quel volto è il già di Cristo. Qui s’infrangono le nostre fatiche, le nostre resistenze, le nostre paure. In quel volto, ad ogni Natale, la Chiesa contempla la sua santità già perfetta e sicura, contro l’arrossato panorama della storia. Qui, da questo volto è possibile ripartire!

Tags:
artenatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni