Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dodici canzoni di Natale

© Natalia Deksbakh/SHUTTERSTOCK
Condividi

Il Natale non inizia con Halloween e non finisce con il capodanno. Ecco la playlist cristiana da usare fino all'Epifania

Quasi un mese fa, ho scritto un articolo sulla nostra necessità culturale collettiva di frenare il folle treno del Natale con qualche canzone d’Avvento.

Quelle 10 canzoni volevano sottolineare che la gioia del Natale – una festa spesso associata alla musica – dovrebbe essere custodita in attesa di esplodere il giorno di Natale, e non essere strombazzata prima che la celebrazione abbia veramente inizio. Anche l’Avvento è un periodo speciale – che merita la propria colonna sonora.

Ma la radio, gli speciali televisivi e le decorazioni dei centri commerciali ci avvolgono in uno strano incantesimo. Ci viene detto che il “periodo natalizio” inizia dopo Halloween (non è vero) e finisce a capodanno (anche questo è falso). Il Natale è diffuso in modo troppo sottile e spazzato via troppo presto. Meno Avvento, ironicamente, finisce per significare meno Natale – i due eventi sembrano aver bisogno l’uno dell’altro.

Il tempo è trascorso, e il Natale è alle porte.

Ho quindi pensato che fosse appropriato far seguire a quelle dieci canzoni d’Avvento dodici canzoni di Natale – una per ciascuno dei dodici giorni del tempo liturgico. Spero che queste canzoni possano essere un piccolo promemoria della necessità di non lasciare che il Natale scorra via nella neve troppo presto – non prima che il rum sia finito e la festa sia ufficialmente conclusa.

Cosa più importante, queste canzoni e questi giorni di festa ci ricordano che mentre la neve, Babbo Natale e le calze dell’Epifania sono tutti promemoria divertenti dello spirito del Natale, il vero spirito del Natale è Cristo. O, come ha detto una volta G. K. Chesterton, “non ci può essere nulla di più cristiano del Natale”.

Che bambino è questo? Cosa annuncia questa nascita? Luke Foster, in un articolo recente intitolato “Infinity Enfleshed” sulla rivista online Ethika Politika, sottolinea in modo splendido:

“… L’Incarnazione si è impressa indelebilmente nella mente di tutti noi che viviamo all’ombra della cristianità. Quanti di noi affermano di seguire quel Bambino divino farebbero bene a cercare di rielaborare ogni filo del proprio pensiero intorno al fatto che la Mente che ordina il cosmo aspetta sua madre. C’è una commedia gloriosa in questo, una magnanima nobilitazione della più semplice e più ordinaria delle cose… Non possiamo anche dimenticare ciò che viene facilmente dimenticato: il piccolo, il locale, il vecchio, l’infantile, il povero, il debole, tutto ciò che ci fonda sulla realtà oltre noi stessi”.

Amen – e buon Natale a tutti gli editori, i redattori e i lettori di Aleteia!

25 dicembre: Natività del Signore (Natale)

26 dicembre: Santo Stefano (il primo martire)

27 dicembre: San Giovanni, apostolo ed evangelista (santo patrono dell’amicizia)

28 dicembre: Santi Innocenti (martiri)

29 dicembre: Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe

30 dicembre: sesto giorno dell’Ottava di Natale

31 dicembre: settimo giorno dell’Ottava di Natale (capodanno)

1° gennaio: Solennità di Maria, Santa Madre di Dio

2 gennaio: Santi Basilio e Gregorio, vescovi e dottori della Chiesa

3 gennaio: Santissimo Nome di Gesù

4 gennaio: Santa Elisabetta Anna Seton (prima santa nativa americana)

5 gennaio: Epifania del Signore

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni