Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Natale, la festa dell'amicizia invece di Gesù Bambino?

@DR

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 19/12/13

“Nella scuola di mio figlio si è deciso di non preparare il presepe e l'albero per tutelare la pluralità di religioni presenti nelle classi”

Caro don Antonio, sono una mamma e ho due bambini di 4 e 6 anni. Nella scuola elementare del maggiore si è deciso quest’anno di non preparare il presepe e l’albero, canti e letterine, ma è stata indetta la Festa dell’amicizia. Secondo la direttrice è l’unico modo per tutelare la pluralità di religioni che convivono nelle classi, per non offendere o confondere nessuno. E’ giusto perdere la nostra ricchezza culturale per non ferire le altre? Come condividere una tradizione importante come il Natale con atei, musulmani e così via?

Chiara, Roma

La prima risposta che mi viene in mente è che si tratta solo di scuse perché dà fastidio parlare di Gesù. Tuttavia, presupponendo la buona fede di direttrici e insegnanti, possiamo fare qualche ragionamento in più. Forse qualche bambino si può offendere o sentirsi confuso ascoltando la storia della nascita di Gesù? E perché mai? E’ un bel racconto che piace ai piccoli, a prescindere dal credo dei genitori. D’altra parte come spiegare il motivo per cui si fa festa, ci si scambiano gli auguri, si ricevono tanti regali, le città e i paesi si riempiono di luci se non ricordando che più di duemila anni fa, a Betlemme, è nato questo bambino che per i cristiani è il Figlio di Dio incarnato? E’ anche un’occasione per spiegare alcune caratteristiche della nostra cultura e delle nostre tradizioni, dell’arte, della letteratura, della poesia.

Genitori atei o agnostici possono presentare i racconti dei Vangeli dell’infanzia come una bella favola, che invita comunque a essere buoni, accoglienti, pieni di fiducia nella vita. All’indomani del solstizio d’inverno, cioè proprio nei giorni del Natale, le giornate cominciano impercettibilmente ad allungarsi e questo già presso i popoli antichi era un auspicio positivo indicava la rinascita della speranza, la luce nuova che metteva nel cuore la certezza che il buio e il freddo non sarebbero durati per sempre. I cristiani hanno individuato nel Bambino Gesù colui che ha realizzato tutto questo, il simbolo della speranza, della pace, della salvezza dall’ombra della morte, il “sole che sorge dall’alto”, secondo le parole di Zaccaria (Luca 1,78). Anche chi non crede ha bisogno di sentirsi riscaldare il cuore da un messaggio di speranza come questo. Questo vale per tutti, anche per chi ha una fede diversa da quella cristiana.

I genitori musulmani, poi, non hanno problemi a raccontare la storia di Gesù. Certo, non credono che sia il Figlio di Dio, tuttavia per loro Gesù è un profeta. Similmente a Maometto, che nel Corano è sempre accompagnato dalla frase “Dio lo benedica e gli dia pace”, così Gesù è citato insieme con la benedizione “Su di lui la pace”. Sempre nel Corano, il libro sacro dei musulmani, si legge: “E quando gli angeli dissero: ‘In verità, o Maria, Allah ti ha eletta: ti ha purificata ed eletta tra tutte le donne del mondo […]’. Quando gli angeli dissero: ‘O Maria, Allah ti annuncia la lieta novella di una Parola da Lui proveniente: il suo nome è il Messia, Gesù figlio di Maria, eminente in questo mondo e nell’Altro, uno dei più vicini. Dalla culla parlerà alle genti e nella sua età adulta sarà tra gli uomini devoti’”.

I genitori cristiani, infine, dovrebbero far capire ai loro figli che più dei regali, delle luci, dei Babbi Natale pubblicitari, ciò che conta è quel Bambino. Piccolo, povero, uno di noi, è allo stesso tempo il Figlio di Dio che ci salva e ci indica nell’amore, nella bontà, nella semplicità la via della salvezza, della gioia. Che non si possono limitare al giorno di Natale, ma devono illuminare la nostra vita di ogni giorno.

Tags:
ateismogesù cristomaomettomusulmaninatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni