Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il grande baluardo della moralità… la Russia?

Claudio Peri/Pool/AFP
Condividi

Gli Stati Uniti hanno ovvi problemi morali. Ma può un ex agente del kgb rendere davvero la Russia la nuova bussola morale del mondo?

Il Telegraph riferisce che la scorsa settimana il presidente russo Vladimir Putin, durante il suo annuale discorso ufficiale alla nazione, "ha dichiarato la Russia il nuovo arbitro morale del mondo".

"Putin ha difeso i valori sempre più conservatori del suo governo e ha denigrato la 'revisione delle norme morali' in Occidente e altrove. 'Questa distruzione dei valori tradizionali di cui sopra non solo comporta conseguenze negative per la società, ma è anche intrinsecamente anti-democratica perché si basa su un concetto astratto e va contro la volontà della maggioranza delle persone' – ha detto Putin -, aggiungendo poi che la società non trarrebbe alcun beneficio dal trattare allo stesso modo 'bene e male'”.

"Nei suoi 70 minuti di discorso televisivo da una sala ornata del Cremlino, Putin ha detto che i valori della famiglia tradizionale sono un baluardo contro 'la cosiddetta tolleranza asessuata e sterile'".

Le parole di Putin rappresentano il culmine di molti movimenti degni di nota dell'ultimo anno. Lo scorso febbraio, Putin ha chiesto una maggiore influenza in Russia della Chiesa ortodossa russa. Ha condotto la resistenza della Russia contro l'avanzata dell'agenda gay: la parata del Gay pride e la distribuzione ai minori di "materiale di propaganda dei rapporti sessuali non tradizionali" sono stati vietati. E proprio lo scorso novembre Putin ha incontrato Papa Francesco in Vaticano. Alcune foto dello storico incontro mostrano sia Putin che Francesco nell'atto di baciare un’immagine della Beata Vergine Maria.

Come dice la didascalia di un post riferito all’incontro.

“Se nel 1959 avessi detto ad un cattolico (o a chiunque altro) che il presidente russo, insieme al Papa, avrebbe baciato un’immagine di Maria, mentre il presidente degli Stati Uniti d’America avrebbe appoggiato l’aborto, ridotto l’ambasciata in Vaticano, chiacchierato di guerra, di rottura del matrimonio, di violazione della privacy, spiato i leader stranieri etc., avrebbero probabilmente pensato che avessi fumato qualunque cosa fosse nel 1959 l’equivalente del crack di oggi. Putin non è un santo, ma sicuramente viviamo in tempi strani…”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.