Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Costi della politica, tagliare ora sull’onda dello sdegno popolare

@DR
Condividi

Segatti: l'esercito che lavora nelle istituzioni va subito sfoltito a cominciare da parlamentari e consiglieri regionali. La politica torna un'arte nobile, eliminando abusi scandalosi

«Stipendi, consulenze, contributi, incarichi, poltrone d’oro, d’argento… I costi della politica non sono soltanto i rimborsi elettorali ai partiti, aboliti per decreto dal governo venerdì scorso. In quel caso ballavano "solo" (si far per dire) 91 milioni l’anno ma, se si allarga la prospettiva al peso economico diretto e indiretto della politica, si scopre che ammonta a oltre 23 miliardi di euro. Lo certifica la Uil in uno dei suoi periodici rapporti sul tema: 23,2 miliardi, per la precisione, distribuiti tra le spese per il funzionamento degli organi istituzionali, i costi delle società pubbliche, le varie (inevitabili?) consulenze esterne e, acer in fundus, il conto da pagare alla «sovrabbondanza del sistema istituzionale» (Avvenire, 17 dicembre).

«Tutto ciò corrisponde a una somma pari a 757 euro medi annui per contribuente, che pesa l'1,5% del Pil. Secondo quanto scrive la Uil sono più di un milione le persone che vivono di politica indirettamente o direttamente: un vero e proprio esercito "al cui vertice ci sono oltre 144mila tra Parlamentari, Ministri, Amministratori locali» (Il Sussidiario, 17 dicembre).

«In un editoriale dedicato alla situazione politica del Paese, l'agenzia Sir approva il ricorso al decreto voluto dal Governo per accelerare il taglio dei costi dei partiti (abolizione del finanziamento pubblico ndr), parlando di "segnale positivo", avvertendo però che "bisogna fare presto perché la pazienza dell'opinione pubblica è già finita", che "non pochi remano contro" e che "occorre evitare la coazione a non agire''. E' certo, puntualizza il Sir, ''che i partiti servono, che servono partiti democraticamente strutturati, forti, rappresentativi, radicati, ma anche aperti e dunque controllabili dai cittadini. In ogni caso l'accelerazione è un fatto positivo''» (La Repubblica, 16 dicembre).

Sul bisturi con cui sfoltire «subito» i costi della politica ha le idee chiare Paolo Segatti, docente di Sociologia politica all'Università Statale di Milano.

Professor Segatti, quanto è grave il problema dei costi della politica in Italia?

«Intanto le premetto che c'è da fare una distinzione».

Cioè?

«I dati della indagine Uil si riferiscono ai costi degli organi costituzionali e degli enti locali, più in generale al personale impegnato nelle istituzioni. Un'altra voce dei costi della politica si riferisce ai costi delle attività dei partiti che in Italia, con il sistema dei rimborsi, hanno dato luogo ad episodi frequenti di malaffare come si è visto negli ultimi anni».

Allora partiamo dai costi "istituzionali". Dove tagliare?

«Non è più rinviabile il taglio dei parlamentari e del numero di consiglieri regionali. Abbiamo un apparato di rappresentanza troppo esteso e ramificato. Si legge nel rapporto della Uil che per il funzionamento di questi organi, Stato centrale e autonomie, nel 2013 si stanno spendendo oltre 6,1 miliardi di euro, in diminuzione del 4,6 per cento rispetto al 2012. Parliamo comunque di cifre stellari».

Direi che non è migliore la situazione dei costi per i partiti.

«Anche questi sono eccessivi e, come le dicevo, hanno dato vita ad abusi scandalosi che hanno evidenziato più che la forza, le debolezze delle organizzazioni di partito, ormai incapaci di controllare i loro uomini. Come ad esempio, il caso degli organi di direzione politica che non monitorano quello che fanno i tesorieri con il sistema dei rimborsi. Siamo al paradosso».

In questa direzione è un buon passo in avanti l'abolizione del finanziamento pubblico?

«Non sono favorevole ad una abolizione totale del finanziamento pubblico perché la politica ha comunque un costo. Sono favorevole ad un finanziamento pubblico dei partiti, ma regolato e controllato. Mi pare positivo il provvedimento del governo con cui si istituisce un'autorità di controllo sui bilanci dei partiti. Se però salta completamente il finanziamento pubblico, lasciando l'erogazione dei contributi solo ai privati, allora la politica diventerà una attività per ricchi. E sarà peggio».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.