Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

“Speranza e tenerezza”: il Natale per Papa Francesco

©ALESSIA GIULIANI/CPP

<span class="standardtextlabel">:</span> <span class="standardtextnolink"> December 14, 2013 Pope Francis is welcomed by children as he arrives at an audience with beneficiaries and volunteers of the Santa Marta pediatric dispensary in Paul VI Audience Hall in the Vatican </span>

Chiara Santomiero - Aleteia Team - pubblicato il 16/12/13

In una intervista a La Stampa, Bergoglio racconta il primo Natale da pontefice e torna sui temi dei poveri, dell'ecumenismo e dei sacramenti ai divorziati-risposati

“Il Natale per me è speranza e tenerezza”: alla vigilia del suo 77° compleanno (17 dicembre), Papa Bergoglio ha spiegato al quotidiano La Stampa il senso del Natale in un’intervista che si è poi aperta a molteplici temi, dalla riforma del papato all’ecumenismo, dalla sofferenza degli innocenti e della fame nel mondo al prossimo Sinodo sulla famiglia e alla questione dei divorziati risposati.

Un anno fa l’orizzonte di Jorge Bergoglio era molto diverso e mai avrebbe immaginato che quello del 2013 sarebbe stato il primo Natale celebrato in Vaticano da successore di Pietro. Di essere eletto, rivela in una lunga intervista pubblicata dalla Stampa, "non me l’aspettavo. Non ho perso la pace mentre crescevano i voti. Sono rimasto tranquillo. E quella pace c’è ancora adesso, la considero un dono del Signore. Finito l’ultimo scrutinio, mi hanno portato al centro della Sistina e mi è stato chiesto se accettavo. Ho risposto di si’, ho detto che mi sarei chiamato Francesco. Soltanto allora mi sono allontanato. Mi hanno portato nella stanza adiacente per cambiarmi l’abito. Poi, poco prima di affacciarmi, mi sono inginocchiato a pregare per qualche minuto insieme ai cardinali Vallini e Hummes nella cappella Paolina” (Agi 15 dicembre).

Ma qual è il senso del Natale per il pastore venuto quasi dalla fine del mondo? Lo spiega con la consueta semplicità e con la capacità di usare parole che scaldano il cuore. “È l’incontro con Gesù. – dice Francesco al vaticanista de La Stampa, Andrea Tornielli. Il Natale è l’incontro di Dio con il suo popolo. Ed è anche una consolazione, un mistero di consolazione”. Il Natale, spiega il Papa incalzato nell’intervista, «ci parla della tenerezza e della speranza.” E’ un invito a tutti i cristiani quello del Papa a non diventare una “Chiesa fredda, che non sa dove andare e si imbriglia nelle ideologie, negli atteggiamenti mondani”. Papa Francesco ribatte alle critiche e agli stereotipi di chi vuole banalizzare le celebrazioni natalizie con poche e convincenti parole: “Quando non si ha la capacità o si è in una situazione umana che non ti permette di comprendere questa gioia, si vive la festa con l’allegria mondana. Ma fra la gioia profonda e l’allegria mondana c’è differenza» (Radio Vaticana 15 dicembre).

L’incontro con il vaticanista de La Stampa a Casa S. Marta avvenuto il 10 dicembre scorso, è durato un’ora e mezza. Per due volte, durante il colloquio, racconta lo stesso Tornielli, dal volto di Francesco sparisce la serenità che tutto il mondo ha imparato a conoscere, quando accenna alla sofferenza innocente dei bambini e parla della tragedia della fame nel mondo. Davanti a un bambino sofferente, l’unica preghiera che a me viene è la preghiera del perché. Signore perché? Lui non mi spiega niente. Ma sento che mi guarda. E così posso dire: Tu sai il perché, io non lo so e Tu non me lo dici, ma mi guardi e io mi fido di Te, Signore, mi fido del tuo sguardo» (La Stampa 15 dicembre).

La tragedia della fame nel mondo è al centro anche del recente messaggio di Francesco per la sua prima Giornata mondiale della pace che si celebrerà il prossimo 1° gennaio 2014. “Con il cibo che avanziamo e buttiamo – afferma il Papa – potremmo dar da mangiare a tantissimi. Se riuscissimo a non sprecare, a riciclare il cibo, la fame nel mondo diminuirebbe di molto. Mi ha impressionato leggere – prosegue Bergoglio – una statistica che parla di 10mila bambini morti di fame ogni giorno nel mondo. Ci sono tanti bambini che piangono perché hanno fame” (Il Fatto Quotidiano 15 dicembre).

La bussola del Papa è la dottrina sociale della Chiesa, come spiega lui stesso, facendo riferimento alla

  • 1
  • 2
Tags:
ecumenismofame nel mondonatalepapa francescopovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni