Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nuovo “miracolo” a Guadalupe: quasi 7 milioni di pellegrini

Lynn Friedman
Condividi

Milioni di fedeli si prostrano ai piedi della Madonna nella sua “casetta di preghiera”

Un codice dipinto da Dio-tlacuilo

In questo 482° anniversario delle apparizioni, i messicani si apprestano a cantare alla Madonna “las Mañanitas”, una canzone tradizionale che si intona a quanti festeggiano il compleanno. Si tratta di una serenata popolare in cui, alla mezzanotte tra l'11 e il 12 dicembre, le catene televisive si uniscono per vedere come cantanti famosi interpretino questo saluto festoso alla Madonna del Tepeyac, il colle su cui è apparsa.

Prima e dopo, lo faranno a modo proprio quasi sette milioni di pellegrini, molti dei quali saranno giunti a piedi da luoghi remoti o in ginocchio, facendo “offerte” alla Vergine o ringraziandola per i favori ricevuti. Spesso con canti e balli preispanici, perché una delle condizioni più straordinarie dell'inculturazione del Vangelo che è Guadalupe è che tutto il mantello sacro è di per sé un miracolo dipinto dal pennello di Dio (da un tlacuilo divino, direbbero gli indigeni nahua), in cui ogni elemento “dice” qualcosa agli indigeni, al punto che gli antropologi e gli storici considerano la “tilma” (il mantello) di Juan Diego, ovvero l'immagine venerata, un vero codice in chiave indigena.

“La presenza viva di Cristo e di Santa Maria di Guadalupe in ogni pellegrino si manifesta in modo schiacciante anno dopo anno con il canto, la danza, la musica, la preghiera, le lacrime; nella storia del popolo del Messico che accorre in queste date alla Casetta di Santa Maria di Guadalupe, pieno di amore per colei che è la Regina del Messico e l'Imperatrice dell'America, Stella della Nuova Evangelizzazione”, afferma un comunicato stampa della Basilica Nazionale di Santa Maria di Guadalupe.

I festeggiamenti non hanno luogo solo nella sede del Tepeyac. Praticamente in ogni angolo del Paese ci sono celebrazioni, processioni e festeggiamenti in onore di colei che è considerata “la madre di tutti i messicani”. Ce ne sono anche in America Centrale e in Nordamerica, concretamente nelle grandi capitali degli Stati Uniti con una forte concentrazione di popolazione messicana, come Los Angeles, Dallas, Chicago o New York.

Per avere un'idea della mobilitazione di volontà che porta con sé la celebrazione, basta ricordare la “Torcia Guadalupana” che percorre il tratto dalla Basilica di Guadalupe a Città del Messico alla cattedrale di St. Patrick a New York, o la “Rosa d'Argento” che dopo essere partita dal Québec (Canada) e aver attraversato le principali città degli Stati Uniti arriva a destinazione al Santuario della Madonna di Guadalupe a Monterrey (Nuevo León, Messico), dopo aver percorso oltre tremila chilometri.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.