Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconNews
line break icon

Diventare adulti in una società complessa

© Association "mise en voyage"

Oukouli (cérémonie de passage de l'adolescence à l'âge adulte des hommes) dans un village Hamer

Dimensione Speranza - pubblicato il 06/12/13



Questione di genere ed età

La condivisione di tale evento con gli altri significativi (prevalentemente gli amici, ma anche fratelli o sorelle, molto più raramente i genitori) è comune a ragazzi e ragazze, ma se per i primi essa assume più la forma di una celebrazione goliardica («una festa», dice un intervistato), per le seconde essa avviene più frequentemente come confidenza intima. Il gruppo dei pari diviene pertanto non solo il pubblico del proprio racconto, ma anche la fonte del linguaggio e dei significati con cui dire e dare senso alla propria esperienza. Abbiamo visto nel paragrafo precedente come vi siano delle differenze, anche se non marcatissime, nel modo in cui ragazzi e ragazze interpretano la perdita della verginità e comunicano tale esperienza alla cerchia amicale. Tali differenze riemergono se guardiamo alla definizione del "tempo giusto" per iniziare una vita sessuale attiva, segnalandoci come il significato ritualizzato del primo rapporto sessuale sia solo in parte condiviso tra uomini e donne.

Se infatti entrambi hanno fatto proprio il valore della sperimentazione sessuale e intendono la perdita della verginità come un passaggio allo status di adulto, l'essere adulti non è un concetto neutro e quindi esso si traduce nel diventare "uomini" o "donne" (Carpenter2005).

Nel questionario, veniva richiesto di specificare se vi fosse un'età giusta rispetto alla quale da un lato fosse opportuno aspettare prima di avere rapporti sessuali, dall'altro fosse opportuno non essere più vergine, contestualizzando rispetto a un ipotetico soggetto maschile e soggetto femminile. In questo modo, si mirava a ricostruire l'arco temporale (il "tempo minimo" e il "tempo massimo") che i giovani ritengono adeguato per avere rapporti sessuali, e le eventuali differenze di genere in tale definizione. I dati quantitativi mostrano come uomini e donne non esprimano valutazioni molto differenti rispetto al calendario ideale delle prime esperienze sessuali. Pensando all'iniziazione sessuale di un ipotetico ragazzo e di una ipotetica ragazza, indicano una soglia dì età abbastanza simile: per il primo, l'età media indicata è di 16,7 anni, per la seconda di 17,1 anni. Lo stesso orientamento emerge rispetto all'età media oltre la quale si ritiene si sia "in ritardo" nella sperimentazione sessuale (19,2 anni per i maschi, i 19,6 anni per le femmine).

Le differenze di genere si fanno più marcate invece nelle interviste: nel definire il tempo appropriato per il primo rapporto sessuale, i ragazzi tendono a insistere maggiormente sull"'essere in ritardo", manifestando impazienza rispetto a un evento tanto atteso e oggetto di pressioni da parte dei pari e degli amici. Per le ragazze, la preoccupazione maggiore sembra essere quella di "essere in anticipo", di non farlo troppo presto, di non bruciare le tappe.

Emerge in modo chiaro la persistenza di un doppio standard che riguarda l'associazione tra genere, sessualità e transizione all'età adulta: mentre per i ragazzi l'attivazione sessuale conferisce uno status adulto e contribuisce alla costruzione della reputazione maschile, per le ragazze quella della sessualità sembra ancora configurarsi come un'esperienza ambivalente, che da un lato fa acquisire adultità ma dall'altro può mettere anche a repentaglio la costruzione della propria femminilità. Si configura così una dialettica tra la funzione di emancipazione della prima esperienza sessuale come rito di passaggio e la sua valenza più o meno protettiva dell'identità di genere del giovane.

Abbiamo analizzato con attenzione il caso empirico del significato attribuito al primo rapporto sessuale per verificare se esso conservi la valenza rituale di demarcazione di un passaggio simbolico all'età adulta, strutturando la costruzione delle biografie maschili e femminili.

Si tratta di un caso empirico interessante perché ci offre molti spunti di riflessione sulle trasformazioni dei riti di passaggio nella società contemporanea. Infatti, mentre in passato l'esercizio della sessualità seguiva forme di regolazione e di ritualizzazione collettiva (basti ricordare la codificazione della "prima notte di nozze"), oggi la sua valenza rituale è oggetto di una produzione simbolica di più corto raggio, maggiormente incentrata su relazioni orizzontali: i giovani fanno riferimento al gruppo dei pari o all'universo giovanile nel suo complesso per descrivere i valori, le norme e le soglie di definizione del passaggio, attraverso il primo rapporto sessuale, a uno status adulto.


  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Tags:
adultigiovanisessualità

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni