Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

La religione in rete: tra orgoglio identitario e pregiudizio

@DR

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 03/12/13

La sua esperienza la porta a sostenere che il web sia più strumento di omologazione o di differenziazione?

Giaccardi: Ovviamente c’è un effetto legato alla dimensione quantitativa. Cioè, per avere più follower si tende ad assumere atteggiamenti che scivolano verso l’eccesso, oppure ad accontentare i gusti, a cercare di assecondare ciò che si crede essere più popolare. Sono tutte dinamiche che tra l’altro appartengono anche alla vita sociale in quanto tale. Però io credo che la dimensione del pluralismo sia salvaguardata in rete molto più che negli altri media, dove c’è ormai una colonizzazione che non escludo possa avvenire in futuro anche in rete, ma che per il momento non è ancora così evidente. C’è ancora in rete una certa possibilità di ascoltare voci plurali e diverse. I fenomeni di mimetismo, anche di seduzione, ci sono ma ci saranno sempre, perché fanno parte della vita sociale. Però non è ancora un ambito colonizzato. Ed è un ambito con cui gli altri media si devono confrontare. Questo secondo me è un bene, perché rompe un po’ alcuni sistemi che sono irrigiditi e che favoriscono più il pregiudizio che la conoscenza.

La rete ci ha reso più tolleranti, meno tolleranti, o ci ha lasciato più o meno inalterati nella nostra natura?

Giaccardi: In questo caso, vorrei contestare la formulazione della domanda. Nel senso che la rete non ci rende più o meno qualcosa. Non è la rete che ci rende, come non è l’alcol che ci rende alcolisti, come non è la strada che ci rende teppisti. La rete semplicemente ha amplificato, questo sì. E’ un moltiplicatore, la rete. Rende molto più visibili e più contagiose certe dinamiche. Però la verità è che noi siamo solo apparentemente tolleranti, ma in realtà lo siamo molto poco. Scambiamo la tolleranza con l’accettazione delle piccole differenze che non ci disturbano, ma questa non è una vera tolleranza. La rete forse un po’ ci provoca, perché c’è dentro di tutto, senza tanti filtri. Sono rimasta molto colpita qualche giorno fa quando ho letto un articolo sulla pagina online del Corriere della Sera, dove si raccontava del barcone con i migranti al largo delle coste calabresi in balia di una tempesta: tra i commenti in fondo che rispondevano alla domanda “come ti fa sentire quest’articolo?”, la risposta più frequente era “divertito”. Questo a me ha dato la misura di una civiltà incivile, in cui la dimensione della tolleranza si rivela per quello che è, cioè un’ipocrisia: finché l’altro non ci dà fastidio lo tolleriamo, nel momento in cui invece ci chiama in causa in qualche modo allora diventiamo subito sprezzanti o disumani. La rete non incide su questo, ma amplifica le nostre debolezze, e magari ci costringe a riflettere su questo nostro individualismo di cui siamo impregnati. E forse, proprio perché la logica della rete è una logica connettiva, ci rende più evidenti i limiti culturali dell’individualismo e può costituire uno stimolo se non altro a rivedere certe modalità in modo più relazionale e più rivolte all’altro, anche più rispettose dell’altro.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
fedeinternetpregiudizioreligionespiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
6
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni