Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconChiesa
line break icon

La felicità è vicina a noi, già oggi

© DR

don Dino Pirri - Appunti di un pellegrino - pubblicato il 03/12/13

Una riflessione sull'Avvento e la nostra capacità di lasciar operare Dio nella nostra vita

Confessare, anche a se stessi, i propri desideri – quelli veri – è pericoloso. Se sono realizzabili, e spesso lo sono, dichiararli ti mette di fronte alla paura di provarci. E dunque alla tua vigliaccheria. Allora preferisci non pensarci, o pensare che hai desideri impossibili, e che è da adulti non pensare alle cose impossibili (G. Carofiglio, Ragionevoli Dubbi).

E così accade che mettiamo a tacere i nostri desideri, li dimentichiamo fino a diventare rassegnati, tristi. La pratica gestione dei giorni e le agende ci impediscono di sognare, di immaginare qualcosa di ulteriore, di nuovo. E noi cristiani rimaniamo indifferenti, persino dinanzi alla Presenza del Signore tra noi, alla sua Risurrezione che dovrebbe, invece, cambiare il corso della storia. Muti, sordi e ciechi all’azione della sua Grazia: il suo agire nella storia.

Eppure, se provo a chiedere in giro, tutti desiderano qualcosa o vorrebbero attendersi una realtà migliore. Non solo i beni strettamente necessari, ma anche qualcosa di più alto. Per sé, per i propri cari, per il mondo intero. La Scrittura riassume tutto nelle spade spezzate, che diventano aratri, e nelle lance trasformate in falci (cfr. Is 2,1-5). Tutto riconducibile al desiderio innato della felicità. Tutti in attesa di qualcosa di nuovo, inedito.

Il tempo di Avvento che si apre in questa domenica ci invita innanzitutto a pensare ai nostri desideri, quelli veri, senza paura. E provando a diventare, come i bambini, capaci di sognare l’impossibile, che poi diventa la cifra dell’agire di Dio, che supera ogni nostro desiderio e ogni prevedibile attesa.

Ecco, il tempo dell’Attesa. Che il Signore torni definitivamente a mettere tutto nel suo ordine. Ma anche i giorni della Speranza, cioè della prospettiva con cui guardare la storia e il mondo. Non qualcosa di nuovo, ma una logica nuova. Non qualcosa di diverso, ma un riconoscimento di ciò che è vero e bello, e che spesso rimane nascosto dalle cataratte della rassegnazione e dell’egocentrismo. Una felicità, che non sia più tregua tra un dolore e un’altra delusione, ma pienezza.

Non dobbiamo diventare diversi, né fare cose nuove, né attendere ulteriori promesse. Oggi, in questo tempo, nella nostra vicenda quotidiana, dove e come siamo, il Signore Gesù è risposta a ogni desiderio. È annuncio di una felicità possibile. È la novità.

Come nei giorni di Noè, i giorni che precedettero il diluvio, rischiamo di essere distratti dal mangiare e bere. Le nostre abitudini e le nostre convinzioni possono confondere il nostro sguardo. E rimanendo addormentati, non ci accorgiamo di nulla: della distruzione che costruiamo e della salvezza che ci viene incontro.

In questo tempo benedetto, allora, vegliate! Questa è la prima parola che ci consegna la liturgia. State svegli, perché il Signore viene a mostrarci la realizzazione di ogni promessa, la felicità vera. Viene a indicare la strada, a suggerire in quale direzione guardare e in quale luogo cercare. Per questo è necessario rimanere zitti e ascoltare la parola del vangelo. E nello stupore riconoscerci nuovi. Trovare la felicità.

Non è necessario aspettare ancora, ma provare a guardare altrove. Più vicino di quanto crediamo. Oggi.


Dal Blog "Appunti di un pellegrino"

Tags:
avventonatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni