Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Casimiro
home iconApprofondimenti
line break icon

Fatta l’Europa, come facciamo gli europei?

Alexander Mak

Aggiornamenti Sociali - pubblicato il 03/12/13

Come partecipare alla costruzione di un’Europa sempre più democratica e aperta al mondo, unita nella sua diversità culturale e da questa arricchita?

La questione non ha suscitato scalpore mediatico, tanto che molti non se ne saranno nemmeno accorti, ma sta giungendo alla conclusione l’Anno europeo dei cittadini, voluto dall’UE per celebrare il ventesimo anniversario del Trattato di Maastricht (1993). Più noto per i “famigerati” parametri, esso istituì anche la cittadinanza dell’Unione, che conferisce agli europei vari diritti, successivamente rinforzati dai Trattati di Amsterdam (1999) e di Lisbona (2009).

Non è questa la sede per tentare un bilancio delle iniziative intraprese e verificare se abbiano raggiunto gli obiettivi che si proponevano. Al di là della celebrazione della ricorrenza, l’occasione permette di tornare ad affrontare alcune domande fondamentali: come partecipare alla costruzione di un’Europa sempre più democratica e aperta al mondo, unita nella sua diversità culturale e da questa arricchita? Come promuovere tra i cittadini un senso di appartenenza all’Unione europea e migliorare la loro comprensione reciproca, rispettando nel contempo la diversità culturale e linguistica e contribuendo al dialogo interculturale? Come sviluppare un’identità europea fondata su valori, storia e cultura comuni? Come semplificare i processi decisionali europei in modo che siano più trasparenti e comprensibili? Come rinforzare la legittimità democratica delle decisioni che sembrano per il momento solo il risultato di negoziati diplomatici tra Governi? E, in fin dei conti, che cosa significa essere cittadino europeo?

Questi interrogativi manterranno la loro attualità e validità anche una volta che questo anno sarà archiviato. Tra il 22 e il 25 maggio 2014 si terranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo: ci aspetta quindi una campagna elettorale che auspichiamo possa confrontarsi davvero con quelle domande, senza rimanere prigioniera degli abituali stereotipi sull’UE – a favore o contro, poco importa –, o peggio essere oscurata da questioni di politica nazionale che solo all’apparenza potrebbero essere più importanti e urgenti.

L’Europa – anzi l’Unione europea – oggi pare fragile ed è oggetto di critiche; d’altra parte resta un progetto attraente, come dimostra il fatto che il 1° luglio 2013 si è aggiunto il ventottesimo membro, la Croazia, mentre sono in corso i negoziati per l’adesione di altri 5 candidati. Non basta però continuare ad affermare le virtù e la bellezza del progetto europeo, come abbiamo fatto a più riprese anche su queste pagine (cfr ad esempio «Miseria e nobiltà: il Nobel che svela l’Europa», in Aggiornamenti Sociali, 11 [2012] 733-740): affrontare la questione della cittadinanza è una porta d’ingresso fondamentale perché l’europeismo convinto di (alcuni) intellettuali e politici – e magari di qualche studente Erasmus – raggiunga la maggior parte dei concittadini nella loro vita quotidiana e dimostri la sua reale consistenza. Proveremo così a mettere a fuoco la sfida che la cittadinanza europea rappresenta, per poi esaminare il discorso politico (o la retorica) con cui i temi europei vengono normalmente trattati e terminare con alcune piste lungo le quali tentare di avanzare.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
Tags:
cittadinanzaeuropaunione europea
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni