Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconNews
line break icon

La Chiesa è contraria o favorevole alla vivisezione?

@DR

Aleteia Team - pubblicato il 30/11/13

È contrario alla dignità umana, prosegue il Catechismo della Chiesa Cattolica, far soffrire inutilmente gli animali e sacrificare senza necessità la loro vita. È anche indegno investire in loro somme che dovrebbero piuttosto rimediare alla miseria degli uomini. Si possono amare gli animali, ma non si può sviare verso di loro l’affetto dovuto unicamente agli esseri umani.

Come si tutela la salute umana senza abusare della vita animale?

Santiago Vega García: Carlson commenta che se una persona crede che non sia corretto usare un altro animale in alcun modo, indipendentemente dai benefici che questo possa avere per gli esseri umani, non c’è nulla che possiamo dire per convincerla del valore della ricerca scientifica con gli animali, visto che per lei la questione è chiusa fin dall’inizio. La ricerca con animali ha dato importantissimi contributi alla salute pubblica e ha favorito importanti scoperte su possibili cause e cure di molti disturbi neurologici e mentali, come il morbo di Parkinson, la schizofrenia, i disturbi maniaco-depressivi, quelli ossessivo-compulsivi, quelli dell’ansia, l’anoressia nervosa, l’obesità o la tossicodipendenza, per citare i più rilevanti.

Credo che si comprenda facilmente l’impossibilità assoluta di studiare questi fenomeni in piante, coltivazioni di cellule o simulazioni informatiche. Anche i vaccini, lo sviluppo dei trapianti di organi, le trasfusioni di sangue, la dialisi per i pazienti affetti da problemi ai reni, le tecniche chirurgiche e i farmaci testati sugli animali sono stati possibili grazie a questo tipo di ricerca e hanno contribuito enormemente a prolungare la vita umana, raddoppiando l’aspettativa di vita media in appena un secolo. Allo stesso tempo, come sottolineano alcuni ricercatori, “le nostre migliori speranze per lo sviluppo di prevenzioni, trattamenti e cure per malattie come l’Alzheimer, l’Aids e il cancro includono anche ricerca biomedica utilizzando gli animali”.

Sui giornali appaiono in modo ricorrente le proteste di quanti difendono gli animali dalla sperimentazione. Che risposta si dà a questa posizione?

Santiago Vega García: La sperimentazione con animali nell’ambito della ricerca scientifica è ben regolata da normative statali e internazionali che danno indicazioni concrete sulla cura e l’ubicazione degli animali in laboratori e strutture apposite; è sottoposta a ispezioni periodiche e la ricerca deve essere giustificata e approvata da un comitato bioetico. Se ci sono eccessi o abusi o non si rispettano le regole, il problema è piuttosto legale e la soluzione passerà per il miglioramento delle norme e non per la soppressione della ricerca. Le ragioni per curare bene gli animali non sono solo etiche, ma anche scientifiche, perché i risultati siano validi, il che a sua volta provoca un minor uso di animali. Lungi dal voler fare un’apologia assolutista della ricerca con animali, credo che l’atteggiamento più ragionevole sia evitare gli estremi di condannare ogni ricerca o lodarla ingenuamente, considerando l’uso di animali come “necessario allo stato attuale della scienza per adeguarsi all’imperativo morale di curare e prevenire malattie umane, ma cercando forme per sostituire e ridurre il numero di animali e diminuire la loro sofferenza”. Attualmente bisogna riconoscere l’impossibilità di sostituire in molti casi la ricerca con animali, il che non annulla il dovere parallelo di impiegarne il minimo indispensabile e di ridurre per quanto possibile la loro sofferenza, sia per ragioni “umanitarie” che per lo stesso interesse scientifico. Con il tempo, in concomitanza con l’aumento del patrimonio delle conoscenze scientifiche, sarà forse possibile porvi fine prescindendo da modelli animali, ma bisogna percorrere ancora molta strada.

A me dispiace così intensamente della sofferenza degli animali che non mi sono mai dedicato alla caccia o allo sport da traino. Il grido di un’allodola mi arriverebbe all’anima, ma quando dobbiamo indagare sui misteri della vita o raggiungere nuove verità, la sovranità del proposito si antepone.

Louis Pasteur

  • 1
  • 2
Tags:
animalebioeticavivisezione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni