Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Procreazione assistita: un figlio proprio a tutti i costi?

© Florence DURAND/SIPA
Condividi

Miriam Zoll racconta in un libro la sua ricerca ossessiva di un figlio e i costi non solo economici per le coppie che intraprendono questa strada

Un’esperienza molto dolorosa generata da un senso di profonda umiliazione per l’ incapacità a concepire che l’ha portata a precipitare in un’ossessione, quasi una forma di dipendenza: Miriam Zoll voleva un figlio suo a tutti i costi e si è sottoposta per questo a diversi cicli di fecondazione assistita. Il figlio non è venuto ma l’alto costo fisico e psichico di questa ricerca esasperata l’ha prostrata. Oggi Zoll è mamma di un bimbo avuto in adozione e ha deciso di raccontare in un libro l’esperienza di un mondo di cui è diventata esperta, svelando il lato meno in luce di quella che è diventata per molti aspetti una vera e propria industria, dai costi economici elevati e senza garanzie di successo. In Italia, anche per questo aspetto dell’assistenza sanitaria, si assiste ad una migrazione dal sud verso il nord.

Una “drogata” della fecondazione: così definisce se stessa l’autrice di “Cracked open: liberty, fertility and the pursuit of high-tech babies” nel quale Miriam Zoll ripercorre gli anni trascorsi a cercare disperatamente di concepire un figlio tramite diverse tecniche di fecondazione assistita, tutte fallite. “Questa ossessione e dipendenza dalla speranza offerta dalla scienza cresceva sempre di più davanti ad ogni tentativo fallito – ha raccontato Zoll in un intervista a Tempi.it (26 novembre). Ho lottato praticamente ogni giorno con la mia ossessione crescente. Mi sono domandata come mai mio marito e io fossimo così fissati con la procreazione come cammino verso la genitorialità, anche se significava sottoporsi a trattamenti sempre più invasivi e rischiosi. Mi chiedevo se volevo essere un genitore che “crea” un altro essere umano secondo la sua immagine. Mi interrogavo se essere madri non significa invece amare un bambino con tutto il mio cuore e tutta la mia anima, come amo il figlio che poi ho adottato e che ora ha quattro anni”.

Nel suo libro Miriam Zoll racconta come le coppie che ricercano la fecondazione assistita non siano abbastanza avvertite circa l’invasività delle procedure e come ci sia un silenzio diffuso sull’alto tasso di fallimento dei tentativi di concepimento. Uno studio pubblicato nel 2012 sul New England Journal of Medicine, intitolato “Cumulative Birth Rates with Linked Assisted Reproductive Technology (ART) Cycles” conferma un tasso di fallimento dei cicli del 70 per cento: il 60 per cento è lo scenario migliore di riuscita su 247 mila donne che non si sono sottoposte a più di sette cicli successivi. In realtà molte donne che scelgono la fecondazione in vitro non riescono neppure a raggiungere la fase della fecondazione vera e propria (Tempi.it 26 novembre).

Ricorrere alla fecondazione assistita rappresenta anche un grave onere economico. Lo stesso studio evidenzia che occorrono almeno 40 mila dollari per due cicli per arrivare a 200 mila per dieci o più. Lo studio dimostra inoltre che le donne più anziane che usano i propri ovuli, registrando il minor successo con la fecondazione in vitro, stanno facendo aumentare la richiesta della pratica controversa della donazione di ovuli, spesso acquistati da donne di paesi poveri come India, Thailandia e Messico. Per ottenerli vengono iniettati nelle “donatrici” farmaci potenti che possono causare gravi effetti collaterali: dal gonfiore delle ovaie, molto pericoloso, alla sterilità, agli ictus e in certi casi alla morte (Tempi.it 26 novembre).

Chi desidera un figlio e ricorre alla procreazione assistita, segnala Il Sole 24ore (13 dicembre 2012), può arrivare a pagare fino a 15.600 euro in Lombardia, il doppio di quanto viene chiesto in Emilia Romagna, 6.900 euro. La media nazionale invece si aggira intorno ai 12.300 a fronte di un rimborso medio nazionale corrisposto dalle Asl delle diverse regioni di 1.934 euro.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.