Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un libro racconta papa Francesco a fumetti

Condividi

“Il nostro amico Jorge” aiuta a conoscere Bergoglio e a fare del bene

“Tra le tante cose interessanti che mi ha riferito”, “mi ha colpito il racconto sulle celebrazioni di Natale degli ultimi anni per lei e il fratello. Da Ituzaingó lei si recava per la Messa officiata da Jorge Bergoglio in città e la cosa finiva lì. Niente festa in comune, niente tavolata in famiglia, visto che lui poi correva a portare gli auguri e un po’ di calore alla casa di riposo per anziani sacerdoti a Flores. Come dire: mai un attimo per sé”.

L'introduzione al testo è di monsignor Eduardo H. García, Pro-Vicario Generale dell’arcidiocesi di Buenos Aires e soprattutto grandissimo amico di Jorge Mario Bergoglio. “È proprio lui la persona che per prima ha raggiunto il neo eletto papa argentino a Roma, portandogli le vecchie, comode, scarpe che aveva lasciato a casa, nella certezza di tornare a Buenos Aires pochi giorni dopo il conclave”.

“Una figura chiave” nella preparazione del libro, ha riconosciuto l'autrice, è stato poi padre Gustavo Mascó, parroco del centro missionario Nostra Signora di Luján e presidente dell'associazione El Almendro. “Nulla a Buenos Aires sarebbe stato possibile senza di lui – ha confessato Jeanne Perego –: mi ha aiutato a prendere contatti e, soprattutto, a capire in tutte le sue angolature la figura di Jorge M. Bergoglio come sacerdote. A capire quanto ha fatto per la città e come lo ha fatto, e il suo modo di porsi nei confronti di chiunque e delle situazioni che si trovava davanti”.

“È lui che mi ha raccontato del cardinal Bergoglio seduto sul ciglio di un marciapiede intento a consolare un bambinetto in lacrime, o dello stesso porporato che dopo le tragedie della discoteca e della stazione correva tra gli ospedali come un sacerdote qualsiasi, consolando i parenti e facendo di tutto per offrir loro un supporto materiale oltre che psicologico”.

L'edizione italiana del testo (Edizioni San Paolo) si trova in libreria e allegata a Famiglia Cristiana e a Il Giornalino.

Per maggiori informazioni: http://ilnostroamicojorge.it/

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni