Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

I santi intercedono per noi nella lotta contro il demonio?

@DR
Condividi

Sì, hanno un ruolo fondamentale e intercedono per noi con grande potenza ed efficacia anche attraverso le loro reliquie

di Stefano Stimamiglio

Don Gabriele, che ruolo hanno i santi nella lotta contro il demonio?

I santi hanno un ruolo fondamentale: intercedono per noi con grande potenza ed efficacia. Dobbiamo pregarli spesso. Tutti, infatti, siamo soggetti alle tentazioni. Per chi è vessato o posseduto dal demonio, la presenza dei santi viene mediata, durante gli esorcismi, con l’uso delle loro reliquie. Quello che non possiamo fare è parlare con loro. Come dice il Vangelo, tra noi e loro c’è un “grande abisso”, una barriera insormontabile (cfr. Luca 16,26). Lo dico soprattutto a beneficio di chi cerca di parlare con i propri cari defunti, rivolgendosi a presunti medium. Anche le anime del purgatorio possono intercedere per noi e vanno invocate.

Ci sono alcuni santi particolari che lei consiglia di invocare?

Nel caso di persone colpite da mali malefici, consiglio di invocare quei santi che hanno sofferto del medesimo disturbo. Consiglio, in particolare, l’invocazione della beata Eustochio, al secolo Lucrezia Bellini, una monaca benedettina di Padova vissuta nel Quattrocento. Morta a 25 anni, dall’età di quattro anni fu posseduta dal demonio. La sua stessa vita religiosa, cominciata a diciotto anni, fu pesantemente condizionata da una grave possessione, che santamente sopportò offrendo la sua sofferenza per espiare le colpe da cui le sue tribolazioni erano nate. Le sue stesse consorelle la maltrattarono molto per il disturbo che arrecava alla vita quotidiana del suo monastero. Solo qualche giorno prima della sua morte capirono di aver vissuto con una santa. Ancor oggi molte persone vanno a pregare davanti alla sua tomba nella chiesa di San Pietro, impetrando la grazia della liberazione.

Quali altri santi invoca lei durante gli esorcismi?

Tra i santi che cito più spesso ci sono padre Pio, santa Caterina da Bologna e Giovanni Paolo II. Di quest’ultimo, in particolare, so per certo che ha praticato personalmente almeno tre esorcismi nella sua cappella privata in Vaticano.

Sotto esorcismo il demonio può pronunciare il nome dei santi?

Naturalmente no. Può capitare il caso che alcuni demoni pronuncino il nome di Dio, della Vergine e di alcuni santi. Avendone però autentico terrore, mai succede che usino direttamente i loro nomi. Utilizzano, invece, delle perifrasi. Gesù diventa così, riferito al sacerdote che sta eseguendo l’esorcismo, “il tuo capo”, “il tuo superiore”; la Madonna, “quella là” o la “rapinatrice di anime”; i santi, addirittura, sono “assassini”, perché con la loro preghiera strappano le anime dalle sue grinfie.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.