Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconChiesa
line break icon

Se vuoi la pace converti il tuo cuore

© CPP

Osservatorio Cardinale Van Thuân - pubblicato il 22/11/13

Il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace ha ricordato a Roma i 50 anni dalla pubblicazione dell'enciclica "Pacem in Terris" del Beato Giovanni XXIII

di Omar Ebrahime

L’11 aprile del 1963, sentendo forse imminente l’avvicinarsi della sua morte, Papa Giovanni XXIII pubblica l’ultima enciclica del suo pontificato: la Pacem in Terris. Raramente un documento pontificio, pur se rivolto non solo ai credenti ma a tutti gli uomini di buoni volontà ovunque presenti, ha avuto un eco e una risonanza mediatica internazionale come in questo caso. Promulgata proprio nei giorni in cui la crisi missilistica di Cuba (scoppiata nell’ottobre dell’anno prima) rischiava di scatenare un nuovo conflitto atomico tra Stati Uniti e Unione Sovietica, l’enciclica passerà alla storia come uno dei più efficaci successi di mediazione, e riconciliazione, politico-diplomatica della Santa Sede. Per commemorare opportunamente lo storico evento il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace ha organizzato la settimana scorsa a Roma tre giorni di celebrazioni con delegazioni di chiese locali, comunità laicali e movimenti provenienti praticamente da ogni parte del mondo.

Ad inaugurare la manifestazione è stato il Presidente del dicastero vaticano, il cardinale ghanese Peter K.A. Turkson, che ha evidenziato come il documento pontificio sia – oggi più che mai – caratterizzato da una perdurante attualità: basti pensare alle attuali minacce alla pace che dalla sponda meridionale del Mediterraneo, ma anche dal sempre più complicato scacchiere mediorientale, si diffondono rapidamente su scala globale arrivando a mettere in discussione delicatissimi equilibri internazionali che si pensavano faticosamente raggiunti una volta per tutte. Inoltre, temi quali la riforma strategica delle Nazioni Unite (si pensi ad esempio alle periodiche proposte di riforma presentate, finora invano, su quella struttura centrale che é il Consiglio di Sicurezza) e l’elaborazione di una visione antropologicamente finalmente condivisa della persona, costituiscono oggi – com’è di tutta evidenza – punti di urgente confronto ormai tanto nel dibattito pubblico in corso nei Paesi occidentali quanto in quelli economicamente emergenti, o in via di sviluppo. Papa Francesco non a caso ha voluto concedere agli oltre trecento partecipanti convenuti a Roma, presso la Sala Clementina del Palazzo Apostolico, un’udienza speciale con l’obiettivo di tornare a riflettere – non per una questione di mera forma, né certo per un omaggio di maniera al futuro ‘San’ Giovanni XXIII – su quello storico documento che a modo suo avrebbe indicato una preziosa via d’uscita a una delle tante crisi internazionali della Guerra Fredda (1945-1991).

Nell’udienza, il Pontefice ha definito l’enciclica giovannea come un “grido rivolto agli uomini e una supplica rivolta al Cielo” dichiarando che se copiosi sono stati allora i frutti, tuttavia oggi “il mondo continua ad avere bisogno di pace”: guerre, contese e conflitti violenti di vario tipo, locali e internazionali, continuano infatti a insanguinare le cronache odierne dall’Asia all’Africa fino al Sudamerica. Davanti a tali tragedie, ha ricordato Papa Francesco, tutti parlano della necessità  improrogabile della pace ma quasi nessuno pare chiedersi da dove quest’ultima abbia la sua reale e indistruttibile origine. La risposta di Papa Roncalli è nota: il fondamento della vera pace si trova nell’origine ultimamente divina  dell’uomo, creato a immagine e somiglianza di Dio e chiamato ad essere seguace imitatore di Gesù. Contrariamente a quanto potrebbe intendersi superficialmente, insomma, la pace non è un concetto astratto o generalmente indefinito (come la semplice assenza di guerra o il non subire violenze) ma la pienezza della verità abitata dall’amore, che poi è il nome stesso di Gesù. Si comprende così allora come mai il documento pontificio caratterizza la pace come la somma di quattro variabili: verità, giustizia, amore e libertà, partendo dal valore assoluto e inalienabile della persona umana e dalla sua altissima dignità. Papa Francesco, dopo aver ricordato i diritti fondamentali ancora oggi spesso negati in contesti di dittatura o povertà – come quelli al cibo, all’acqua e alla casa – ha ricordato che anche la possibilità di creare una famiglia dovrebbe essere una libertà concretamente garantita ovunque e non un lusso per pochi privilegiati. Ultimamente, poi, a queste emergenze si sono aggiunte (soprattutto in Occidente) quelle legate alla ‘questione educativa e all’influenza dei mass-media’ sulla crescita delle nuove generazioni, sempre più esposte – senza difesa alcuna – a quella che già Benedetto XVI aveva declinato come ‘dittatura del relativismo’: un mondo virtuale (fatto dalla stragrande maggioranza di tv, canali internet  e stampa) dove il bene e il male vengono continuamente rimescolati, senza offrire un giudizio esterno che sia uno, fino a renderli pressoché irriconoscibili. Prima di intavolare grandi discorsi moralistici bisognerebbe  quindi ricordarsi – con un pragmatismo tipicamente gesuita, verrebbe da commentare – che il primo luogo della pace è il singolo cuore umano (lo insegnava già Sant’Agostino), cuore che sarà destinato a rimanere inquieto e vagabondo (e quindi ‘socialmente’ agitato) finchè non avrà trovato la verità per cui è stato fatto.

  • 1
  • 2
Tags:
giovanni xxiiipacepacem in terristop giovanni xxiii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni