Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 17 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconNews
line break icon

Meno sport e più danni per la salute: i rischi di una “generazione seduta”

@DR

Chiara Santomiero - Aleteia Team - pubblicato il 21/11/13

Gli adolescenti tendono a praticare poco sport già a partire dagli 11 anni. I "primi della classe" sono i bambini tra 6 e 10 anni

Dopo l’allarme obesità nei bambini, i pediatri lanciano l’allarme sul poco sport praticato dagli adolescenti che sembrano aver consumato un vero e proprio “divorzio” con l’attività fisica con rilevanti conseguenze sulla salute. In occasione degli Stati Generali della Pediatria celebrati in concomitanza con la Giornata Mondiale del Bambino e dell’Adolescente, la Società italiana di pediatria (Sip) ha segnalato come l’allontanamento dalla pratica sportiva – attestatosi in precedenza tra i 14 e i 15 anni – inizi ormai già a 11 anni. Infatti tra il 2011 e il 2012 la quota di praticanti continuativi è diminuita persino nella fascia d’età 11-14 anni, passando dal 56% al 53,4%. Percentuale che tra i 15 e i 17 anni diventa del 48,5% e si assesta 14 punti percentuali sotto, al 34,7%, tra i 18 e i 19 anni.

Unica notizia positiva è che, in controtendenza, in dieci anni (2001-2011) tra i bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni la pratica sportiva continuativa è aumentata di oltre 5 punti percentuali, passando dal 48,8% al 54,3%. Con l’aumento di altri 3 punti percentuali nell’ultimo anno, sono loro i più sportivi d’Italia: quasi 6 su 10 (57%) praticano uno sport in maniera continuativa, soprattutto nuoto e danza. La ragione di questi trend tra i più giovani, Aleteia l’ha chiesta ad Antonio Correra, consigliere nazionale Sip.

Cominciamo dalle buone notizie: perché i più piccoli sono più sportivi?

Correra: La ragione possiamo dedurla a contrario analizzando le cause, che sono molteplici, dell’abbandono dell’attività sportiva da parte dei ragazzi più grandi. Una delle cause principali è l’eccessivo impegno di studio richiesto in particolar modo nelle scuole superiori: nella scuola elementare l’impegno è minore e c’è più tempo per lo sport. Su questo elemento pesa anche il fatto che le attività sportive ed agonistiche si svolgono quasi sempre al di fuori della scuola e quindi per i ragazzi più grandi si pone il problema di orari e spostamenti da conciliare con lo studio. Inoltre dai nostri studi risulta che spesso per i ragazzi fare sport “viene a noia” o ”costa troppa fatica” o gli ”istruttori sono troppo esigenti”: per i più piccoli, invece lo sport conserva una dimensione più di gioco che di agonismo e per questo si stancano meno in fretta.

In che modo influisce sulla poca pratica sportiva il tempo trascorso davanti al computer o alla tv?

Correra: La Sip promuove annualmente una ricerca su “Abitudini e stili di vita degli adolescenti” che è arrivata alla 15^ edizione nel 2012. L’abbiamo intitolata “Generazione seduta” perché oltre il 60% degli adolescenti durante il percorso scolastico rimane seduta per almeno 11 ore al giorno e di queste 3 o 4 le passa davanti alla tv. Inoltre c’è la cattiva abitudine di consumare anche i pasti davanti alla tv e i ragazzi spesso studiano rimanendo collegati via Internet con gli amici: tutte abitudini che influiscono nel tenerli lontani dallo sport. Il 40% dei ragazzi e il 44% delle ragazze adolescenti non praticano nessuna attività sportiva oltre le due ore previste dal programma scolastico. Per di più la gran parte dei ragazzi viene accompagnata a scuola in auto e solo pochi usano i mezzi pubblici mentre ancora meno la bicicletta. Tutto il contrario di quanto indichiamo nella “Piramide delle attività consigliate”: alla base ci sono le attività che dovrebbero essere svolte più in abbondanza come andare ogni giorno a piedi a scuola o in bici, passeggiare e, più in alto, aiutare qualche volta alla settimana nei lavori domestici. Invece, in cima, appare l’uso del computer o video-giochi che dovrebbe essere limitato a una sola ora al giorno.

  • 1
  • 2
Tags:
sport
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
7
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni