Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconNews
line break icon

In memoria di un agente

@DR

don Marco Pozza - Sulla strada di Emmaus - pubblicato il 20/11/13

Come garantire la speranza quando noi per primi, certe sere, siamo a corto di speranza?

Anche l'ultimo blindato è stato chiuso: rimane solo il silenzio acerbo della notte e il mantello pesante di tutta quella sofferenza racchiusa dentro le celle. Ancora qualche luce accesa – magari di qualcuno che sta studiando, o forse scrivendo l'ultima riga di una lettera, più probabilmente guerreggiando con i fantasmi della notte – e poi solo le stelle che stasera brillano più forti rimarranno a portare sulle loro spalle il peso di questa città deserta tra le sbarre. Le stelle e te, carissimo agente di Polizia Penitenziaria.

Tutt'intorno, come scrisse Antoine de Saint-Exupery, “quell'odore di camerata e quegli echi profondi di cripta quando si lascia cadere una chiave o si cammina sul pavimento”. E' l'ora delle confidenze questa, l'ora della nostalgia, forse anche della malinconia. Oggi un tuo collega è morto. Ha salutato la vita con il più classico dei saluti di galera: una corda al collo come preludio di un triste suicidio. Stasera ti osservo mentre, in piedi a guardare oltre le sbarre, stai organizzando i mille pensieri che svolazzano vagabondi nella tua memoria: Alberto era un collega, un amico, il confidente delle lunghe notti di servizio. O, più semplicemente, un uomo che come te indossava la divisa, quel pezzo di stoffa – logorato dall'usura e dalla crisi economica – che per tanti di voi è l'evidenza di un sogno e l'orgoglio di un'appartenenza. Penso a quella scritta che campeggia un po' ovunque nel nostro carcere: “despondere spem munus nostrum (“garantire la speranza è il nostro compito”). E' un annuncio bellissimo, fin quasi sublime anche se oggi l'eco che ci rimanda è tanto fastidioso quanto imbarazzante: come garantire la speranza quando noi per primi, certe sere, siamo a corto di speranza?

Ti osservo e, nel mentre, s'affacciano mille tuoi racconti. La nostalgia della tua terra di Sicilia, quella scaldata dal sole africano; l'orgoglio con cui parli del tuo mare di Puglia, quella velata solitudine nel mentre accarezzi il foulard che hai in tasca – ricordo della tua fidanzata -. O mentre contempli quella foto sul computer: due bambini e una donna che ti dicono “buonanotte, papà”. Loro laggiù, tu quassù, a migliaia di chilometri di distanza: sbattuto in una nervosa guardiola di un carcere di massima sicurezza. Per giocare quello che da bambini era il gioco più bello all'asilo: guardie contro ladri. Solo che adesso non è più un gioco: è una missione, una responsabilità, il coronamento di un sogno. Dietro quella divisa, però, è rimasto lo stesso identico cuore di allora, dei tempi dell'asilo: uno scrigno che trattiene paura e amore, solitudine e trastullo, angoscia e aneliti; vergogna di chiedere aiuto. Chissà quante cose vorresti confidare stanotte a qualcuno: eppure sei solo, vittima pure tu di questo assurdo sovraffollamento che è prima di tutto sovraffollamento di disperazione.

Le tue forze da sole non possono reggere, lo spazio della tua anima è troppo piccolo per portare tutto questo fardello, il tuo cuore è troppo solo. Eppure quella divisa inganna: ti vedono forte e robusto, armato e deciso, sicuro e infallibile. Mentre, ne sono certo, tu stesso – se potessi – racconteresti loro chi sei: “sono un uomo come te, amico. Ci differenzia una missione, ma nel cuore abita la stessa nostalgia di cose grandi”. Forse stasera è anche la solitudine ad accomunarti a quegli “eremiti” che stanno dentro le celle.

Tu sei ancora lì che guardi oltre le sbarre, io sono ancora qui che guardo te in una notturna cella di galera. Abbiamo la stessa età, abitiamo lo stesso ambiente, avvertiamo l'urto dei medesimi rumori. Sopratutto dei tonfi dell'anima, che a trent'anni sono dei rimbombi acuti. Ti ho lasciato un biglietto sul tavolo, un promemoria: “anche oggi dobbiamo garantire la speranza, amico”. Proprio oggi, nel giorno della disperazione. D'altronde quella divisa parla di grandi sogni: quei sogni che non cadono nemmeno di fronte alla morte. Assieme ci riproveremo!

(Da L'Altopiano, 23 novembre 2013)

[FONTE: http://www.sullastradadiemmaus.it/pensiero-creativo/1808-in-memoria-di-un-agente-nonsolodivisa.html]

Tags:
antoine de saint-exuperycarceresperanzasuicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni