Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 06 Marzo |
San Julián di Toledo
home iconChiesa
line break icon

Il Vangelo spalanca le porte dell’inferno

@DR

Aleteia Team - pubblicato il 20/11/13

Non si evangelizza condannando le convinzioni altrui, ma dando la vita per le proprie

di Juan Ávila Estrada

Evangelizzare (dare la buona novella) è il compito della Chiesa, che a fare questo è stata inviata, per questo è stata fondata, per questo è sostenuta dalla forza dello Spirito. Questa buona novella non è altro che l’amore di Dio, un amore tanto incondizionato, tanto assoluto, tanto vero come la croce; un amore che non è semplicemente “per l’umanità” (espressione che dice molto ma non dice nulla), ma per me e per te, e non è prodotto del guadagno o della conquista personale, ma gratuità benevolente da parte del Signore. Un amore gratuito, così gratuito che non è meritato né è soggetto al cambiamento della nostra condotta, anche se necessariamente deve condurre a questo. Per questo la buona novella è così scandalosa, ferisce il nostro concetto di giustizia, mette a soqquadro la nostra scala di valori e fa entrare in crisi tutte quelle frasi registrate nel cuore quando affermavano che “Dio ci ama solo se siamo buoni”.

Per questo non è facile evangelizzare, perché richiede la propria esperienza dell’amore di Dio, della sua tenerezza, della sua compassione e del suo “fare nuove tutte le cose” in me; il resto può essere semplicemente la trasmissione di verità di fede rivelate dalla Scrittura che, senza sottovalutarsi, corrono il rischio di trasformarci in credenti freddi, di quelli che difendono concetti e uccidono per essi, ma non permettono che questi arrivino a trasformare la vita.

Evangelizzare non è minacciare con la condanna chiunque agisca male, non è brandire la spada della giustizia contro tutti i peccatori relegandoli in un angolo per poterli marcare con il segno dei perduti, né dichiararli nemici della propria causa solo perché l’ignoranza ha impedito loro di vedere la verità (Gesù è la verità). Evangelizzare è mostrare le braccia aperte di Gesù sulla croce che dice “Ho fatto tutto per amor tuo”. Questo è ciò che trasforma davvero il cuore e ci fa possedere l’esperienza di una vita nuova.

Il peccatore non abbandona il peccato quando gli viene rinfacciato il suo atteggiamento con l’obiettivo di fargli intendere quanto sia errato il suo cammino; non è questa la funzione dell’evangelizzazione. Sono del tutto sicuro che mostrare il volto di Dio in Gesù ha di per sé solo la validità di aiutarci a scoprire il peccato; è impossibile non riconoscere il peccato quando abbiamo Gesù davanti come uno specchio, ed è proprio Lui che ci porta a cambiare condotta, e non il rinfacciare in modo costante da parte di coloro che sanno solo condannare e vedere una maledizione in tutto. L’oscurità non scompare quando viene maledetta, ma quando siamo capaci di accendere una luce, per quanto possa essere tenue; è la luce che compie questo miracolo. Evangelizzare è accendere questa luce.

Come si accende questa luce? Mostrando la verità. E cos’è la verità? La verità è una persona, la verità è Gesù: “Io sono la verità…” Ma questa conoscenza della persona di Gesù non si limita a sapere “cose” che lo riguardano, ma a vivere l’esperienza del suo amore e a comprendere che ciò che ha fatto ha una relazione diretta con me, che non sono estraneo alla sua opera, che ha pensato a me quando lo stava facendo e che non potevo nascondermi nell’umanità quando ha dato la sua vita per lei. È lì che l’umanità smette di essere “tutti gli uomini” per essere “io”, con nome proprio, identità propria e il suo sguardo verso di me.

Non si evangelizza riempiendo la testa di concetti e di verità epistemologiche, razionali (come quando impariamo che 2+2=4), perché si punta anche a toccare le emozioni, la volontà, il cuore. Una fede che tocca solo la ragione può farci diventare fanatici

  • 1
  • 2
Tags:
evangelizzazionepeccato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
5
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
Gelsomino Del Guercio
“Solo tu potevi capire Maria”. Lettera di Don Tonino Bello a San ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni