Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come educare persone libere nella società della comunicazione

© SergiyN
Condividi

Intervista alla psicologa María Jesús Álava, coautrice del libro “La buena educación”

Non c’è libertà senza responsabilità, e non c’è responsabilità se non diamo valore a chi siamo. Così si è presentata la psicologa María Jesús Álava Reyes in una conferenza sulla libertà organizzata dal Telefono della Speranza e svoltasi il 19 novembre nell’auditorium Príncipe Felipe di Oviedo (Spagna).

Secondo l’esperta, coautrice del libro La buena educación, al giorno d’oggi è particolarmente necessario aiutare i bambini, gli adolescenti e i giovani a pensare e prepararli di fronte a possibili molestie, umiliazioni e vessazioni, favorite dall’accesso, spesso poco controllato, a Internet.

In questa intervista concessa ad Aleteia, la Álava Reyes sottolinea l’importanza del fatto che i genitori passino del tempo con i figli e li accompagnino anche nell’uso di Internet e dei videogiochi.

Che sfide pone l’educazione oggi? Nella sua conferenza ha sottolineato il valore di essere se stessi per la responsabilità e la libertà…

Si tratta di vedere come possiamo contribuire a crescere bambini che un domani siano adulti autenticamente liberi, con capacità di pensare, di ragionare, di osservare, con criteri propri.

È necessario aiutarli a pensare perché non siano manipolabili. Constatiamo che i bambini, gli adolescenti e i giovani di oggi sono meno maturi e più vulnerabili di quelli di qualche anno fa.

I genitori controllano meno il loro ambiente. Li stiamo proteggendo troppo e non li prepariamo al mondo reale.

Non sanno dire di no, seguono in modo assai preoccupante i leader negativi che hanno intorno a sé in questo momento e subiscono anche molestie, umiliazioni, vessazioni… senza risorse per sapersene difendere.

Ci preoccupa che abbiano meno capacità nella vita quotidiana, che in una società presumibilmente della comunicazione si sentano sempre più soli anche se possono essere collegati nel mondo.

Possono trascorrere ore chattando e rispondendo ai messaggi, ma poi sono incapaci di relazionarsi con le persone che hanno al proprio fianco. In molti casi, l’immaturità si traduce in un comportamento molto più ostile in casa.

Rendendoci conto dell’esistenza di questo problema, vogliamo rendere consapevoli i genitori e gli educatori e lavorare direttamente con i bambini e i giovani perché questa situazione si possa invertire.

Proteggendoli troppo e favorendo in loro il consumismo, iniziano a non dare valore alle cose e finiscono per non dar valore neanche alle persone. C’è poi un certo indurimento che constatiamo nelle relazioni con gli altri e con l’ambiente.

Ci sono giovani generosi, ma ci piacerebbe che la generosità fosse più presente.

Ci preoccupa come molti di loro mentano, nel massimo anonimato, proprio perché a volte vivono come in mondi paralleli di cui i genitori non sono troppo consapevoli.

I genitori sono piuttosto spersi, anche se si possono preoccupare molto per loro. Quando vengono dallo psicologo, spesso si tratta già di situazioni drammatiche e pensiamo che non stiamo valorizzando il loro operato e non li stiamo appoggiando nella quotidianità: la miglior équipe di una famiglia sono i docenti della scuola dei figli.

Che ruolo gioca Internet nell’educazione o diseducazione dei figli?

Non solo Internet, anche i videogiochi, le comunicazioni… sono ossessionati dai videogiochi, chattano molto, a volte entrano in spazi che non controllano, postano fotografie e raccontano cose di cui poi si pentono.

Su dieci bambini, quattro possono subire qualche tipo di molestie o estorsione attraverso Internet. Non li abbiamo preparati a difendersi da questo. Per questo motivo a volte possono vivere in mondi paralleli.

Prima sapevamo chi erano i loro amici, cosa facevano… ora non lo sappiamo, e a volte vediamo che hanno cambiato amici solo dalla loro condotta o dai fallimenti scolastici.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni